Lazio-Napoli, Radu è un guerriero in campo. E quello scontro con Callejon… – VIDEO

radu
© foto www.imagephotoagency.it

Una forte contusione non è riuscita a far uscire Stefan Radu dal terreno di gioco nel corso di Lazio-Napoli. Il romeno, poi, ha avuto uno scontro con Callejon

Corre e lotta. Da vero laziale, non s’arrende mai. Stefan Radu è ormai una certezza per il popolo biancoceleste, che si rivede nella rabbia, nella cattiveria agonistica, nella voglia di vincere a tutti i costi dell’ormai veterano capitolino. Sì, i laziali si rivedono in lui, in quel giocatore che ha sposato la Lazio in tutto e per tutto, come accade nei migliori matrimoni. Un uomo, un tifoso biancoceleste, prima di essere qualsiasi altra cosa. Stefan ha imparato ad amare Roma, ha capito quanta passione possa regalare la gente laziale, ha compreso di esser entrato nei cuori di tutti. E questa è senza dubbio la sua migliore vittoria.

AMORE – Irrazionale, senza freni e anche un po’ folle. L’amore non è un sentimento semplice. Se poi è per la Lazio, figuriamoci. Una squadra in perenne difficoltà, sottostimata da tutti, ma che è in grado di regalare emozioni che altrove sono sconosciute. Radu ha accettato la Lazio, amandone pregi e difetti. E per lei è pronto a dare il massimo, sempre. Non è in grado di fermare la sua forza neanche una bella ‘botta in testa’, una contusione che l’ha reso per un po’ in stato di confusione, per ripetere le parole del dott. Rodia.

LAZIO-NAPOLI – E’ questo quello che è successo nel corso di Lazio-Napoli. Stefan Radu, dopo uno scontro di gioco, si ferma a terra dolorante. I compagni lo circondano, i soccorsi vengono subito invitati ad entrare in campo. I tifosi temono il peggio. Quando, però, Wallace si è già alzato dalla panchina, Stefan torna in campo. Vistosa fasciatura in testa, e via, si corre a difendere la propria squadra, anzi di più. Una fede, un amore incondizionato. Più affamato che mai, più guerriero che mai.

CALLEJON – Non chiedetegli di star calmo, con l’Aquila sul petto proprio non ci riesce. Non chiedetegli di chiudere un occhio quando l’avversario di turno gli fa uno sgarbo. Ieri è stato il turno di Callejon, che ha allontanato il pallone quando quest’ultimo era già uscito dal campo. Radu non c’ha visto più, si è avvicinato, una spinta e la discussione si è accesa. Non toccate la Lazio a Stefan Radu. Quando c’è l’amore di mezzo, non si scherza.

Articolo precedente
Lazio-Napoli, partenza in salita: l’ultima sconfitta interna all’esordio risale a 15 anni fa
Prossimo articolo
Badelj, buona la prima. L’entusiasmo social: «Felice per l’esordio in questo stadio!»