Lazio, che sorprese Wallace e Bastos. E de Vrij ride… Ora il ‘muro’ è completo

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio chiude la prima parte di stagione con 21 reti subite in 18 partite per una media di 1,17 gol concessi a gara, media sensibilmente peggiorata a causa dell’ultimo match dell’anno contro l’Inter dove i biancocelesti hanno permesso agli uomini di Pioli di realizzare tre reti in dodici minuti. Se si eccettua però la sfida giocata con i nerazzurri, la retroguardia laziale ha dimostrato di essere una delle più affidabili del campionato, grazie al lavoro quotidiano sul campo di mister Inzaghi e sul mercato del ds Igli Tare, che ha individuato in Wallace, Lukaku e Bastos tre ottimi elementi per rinforzare il pacchetto difensivo.

WALLACE E LUKAKU – L’ex difensore del Monaco, costato 9 milioni di euro, ha giocato fin qui 13 partite (10 delle quali dall’inizio) condite da un gol e da un assist. Spesso efficace in marcatura e negli anticipi, tende però ogni tanto a staccare la spina, come in occasione del derby perso per 0-2 in cui ha letteralmente regalato il gol del vantaggio giallorosso firmato da Strootman. Meno spazio invece per Jordan Lukaku, terzino sinistro belga arrivato dall’Oostende. Titolare in tre delle prime sette gare contro Atalanta, Juventus e Udinese dove ben figura, il fratello dell’attaccante dell’Everton ad ottobre subisce un infortunio alla caviglia in occasione del match tra Belgio e Bosnia valido per le qualificazioni ai prossimi mondiali che lo costringe a stare fuori per un mese. Rientra in campo per 26 minuti nella vittoriosa trasferta del ‘Barbera’ contro il Palermo, dando un importante contributo sull’out mancino.

BASTOS – Per quanto riguarda Bastos, il suo esordio in biancoceleste contro la Juventus sorprende positivamente l’intero ambiente laziale. Autore di una prova maiuscola con la quale annulla gli attaccanti bianconeri, il difensore angolano si ripete anche nelle due gare successive contro Chievo e Pescara, zittendo tutti coloro che dubitavano del suo acquisto. Alla fine del primo tempo del match contro il Milan però, Bastos si procura una lesione muscolare di secondo grado alla coscia destra che lo tiene lontano dal terreno di gioco fino a dicembre, quando torna titolare nel match vinto contro la Fiorentina per 3-1. 

 

DE VRIJ, SICUREZZA PER TUTTI – Giocare accanto a Stefan De Vrij ha sicuramente aiutato l’ambientamento dei tre nuovi acquisti. L’olandese è infatti l’autentico leader della difesa laziale e rappresenta una sicurezza per tutta la squadra grazie alla tranquillità con cui riesce a risolvere anche le situazioni più complicate. Josè Mourinho avrebbe chiesto espressamente l’acquisto dell’ex Feyenoord per il suo Manchester United in vista della prossima stagione: gli inglesi sarebbero disposti a mettere sul piatto circa 35 milioni di euro oppure 20 più il cartellino di Memphis Depay per convincere Lotito a cedere il numero 3 biancoceleste. Qualora l’affare dovesse concretizzarsi il ds Tare andrebbe sicuramente alla ricerca di un altro centrale per sostituire De Vrij, affiancandolo alla batteria di difensori di qualità già presenti nella rosa a disposizione di mister Inzaghi. 

Andrea Coppini – Lazionews24.com