Laziali in prestito – Lo Spartak di Mauricio campione di Russia, Cataldi decisivo ‘a modo suo’. Riecco Perea

© foto www.imagephotoagency.it

Laziali in prestito – Da Mauricio a Cataldi, passando per Berisha e Palombi: il rendimento settimanale dei calciatori biancocelesti lontani dalla Capitale fino al termine della stagione

I campionati si avviano alla conclusione e tanti calciatori mandati in prestito dalla Lazio faranno rientro in casa base. Con obiettivi complementamente diversi, ognuno di loro è concentrato a concludere al meglio la propria stagione con la maglia della squadra che devono difendere. Non resta che scoprire come è andata nell’ultimo weekend.

PORTIERI

Berisha – Il pareggio dell’Atalanta, 1-1 contro l’Udinese, sembra aver delineato le posizioni per l’Europa League. La Lazio si è infatti allontana di cinque punti, mentre è cresciuto il vantaggio su Milan (+6) e Inter (+9). Fondamentale alla causa ancora una volta il portiere albanese: nulla può sul vantaggio di Cristante, sicuro in almeno due respinte su Zapata e De Paul. VOTO: 6.5

Guerrieri – Il Trapani resta incastrato in zona playout, il Frosinone vince 1-0 e sogna il ritorno in Serie A. Solo panchina per il portiere di proprietà dei capitolini, che deve far spazio al collega Mirko Pigliacelli. «Impazzito» l’ex Reggina che si è reso protagonista con un’azione solitaria, correndo palla al piede quasi fino all’area di rigore avversaria.

DIFENSORI

Elez – Il Rijeka incimpa 1-0 sul campo della Lokomotiv Zagabria, ma a quattro giornate dalla fine i cinque punti di distacco dalla Dinamo dovrebbero basta e il primo posto non dovrebbe essere compromesso. Titolare al centro della difesa il gigante croato che colleziona un cartellino giallo nei minuti finali del match, non ha però colpe sulla concessione del calcio di rigore decisivo (fallo di Andrijasevic). VOTO: 5.5

Mauricio – E’ matematicamente campione di Russia lo Spartak Mosca per la 10^ volta nella storia, merito del successo per 1-0 dei ragazzi di Carrera contro il Tomsk. Soltanto panchina per il difensore biancoceleste.

🙏🏻⚽️🔴⚪️ Campeão 🏆

Un post condiviso da Mauricio 33 (@mausantos33) in data:

Ramos Marchi – Dice addio ai sogni playoff la Salernitana che si arrende 2-0 fra le mura amiche del Carpi. Indisponibile il brasiliano, in settimana ha accusato una lesione muscolare di secondo grado al retto femorale.

Pollace – Il Racing Roma è ufficialmente retrocesso in Serie D, sconfitto ieri 3-2 dalla Cremonese capolista (tornata dunque in Serie B dopo 11 anni). Entra in campo all’84’ minuto l’ex capitano della Primavera: tre giri di lancette dopo il suo ingresso i lombardi realizzano il gol vittoria. VOTO: S.V.

CENTROCAMPISTI

Cataldi – Fondamentale successo in chiave salvezza per il Genoa di Juric, che batte 1-0 l’Inter e mantiene il Crotone lontano cinque punti. Il centrocampista romano viene schierato da titolare e riesce a influenzare il risultato non solo per la buona prestazione in fase di interdizione. In occasione del penalty assegnato agli ospiti indica in modo eclatante al portiere Lamanna il lato in cui avrebbe calciato Candreva. VOTO: 7

 

 

 

 

 

Ronaldo & Minala – Come detto in precedenza, si spengono le speranze degli spareggi promozione per la Salernitana. In Emilia ha giocato soltanto il brasiliano, entrato nella ripresa non riesce ad incidere positivamente. Squalificato invece il camerunense. VOTO: 5

ATTACCANTI

Kishna – Il Lille perde 2-0 contro il Metz e per l’esterno olandese si tratta della terza gara consecutiva da titolare. Quasi mai pericoloso, lascia il posto a El Ghazi

Palombi – Esce dalla zona retrocessione diretta la Ternana, merito dello 0-1 ottenuto a Vicenza. Il bomber di Tivoli gioca una partita di corsa e sacrificio, pericoloso soprattutto nella ripresa con diversi contropiedi. VOTO: 6.5

Perea – Nella sconfitta per 2-1 del Lugo sul campo del Tenerife l’attaccante colombiano ritrova minutaggio dopo quattro mesi e quattordici partite senza neanche una convocazione. Finito ai margini anche dopo un problema disciplinare, grazie all’infortunio di Joselu al 38esimo e alla squalifica di Caballero, il colombiano gioca oltre 50 minuti. Un avversario, per anticiparlo di testa, insacca il pallone del momentaneo pareggio nella propria rete. VOTO: 6.5