L’amuleto della Lazio si chiama Norcia: dopo il ritiro umbro sempre risultati positivi per i biancocelesti

© foto www.imagephotoagency.it

Il ritiro nella città umbra per la Lazio è un vero e proprio amuleto. Infatti dopo Norcia, le statistiche sono sempre positive per la compagine capitolina. Come riporta Il Corriere dello Sport, dal 2003 al 2013 la tradizione si è sempre confermata. Si inizia con Mancini nel 2003: appena terminato il ritiro estivo a Norcia, sfida il Benfica nel terzo turno preliminare di Champions League. Il risultato? Vittoria per 3-1. Sei anni dopo, nella stagione 2006/2007, Delio Rossi decide di fare lo stesso. Ancora ritiro estivo a Norcia, ancora soddisfazioni. Al termine del campionato, infatti, la Lazio festeggerà il terzo posto e la qualificazione al torneo continentale. Nel 2009, sempre con Rossi, i capitolini preparano a Norcia il derby di ritiro: 4-1 finale e Roma annientata. Anche Reja, nel 2010, decide di ritirarsi con la squadra nella cittadina umbra. La Lazio è in crisi nera, il baratro Serie B avanza. Al ritorno a Roma, però, ecco il sorriso: 0-2 in casa del Cagliari. Infine il ricordo più importante e indelebile: c’è da preparare il derby del 26 maggio, Petkovic decide di portare tutti a Norcia. E alla fine sappiamo tutti come è finita…