Inzaghi, da ripiego di Bielsa a leader della Lazio: la Juventus inizia a monitorarlo

© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi è il top player della Lazio: da ripiego di Bielsa a leader indiscusso. E su di lui piomba la Juventus

Dalle macerie del caso Bielsa, alla finale di Coppa Italia: sono bastati nove mesi per costruire un capolavoro nel segno di Simone Inzaghi, l’allenatore-bandiera che dal 1999 indossato sulla pelle la maglia della Lazio, un predestinato capace di passare dallo Scudetto di Cragnotti all’attuale gestione, attraversando quindici anni di trasformazioni e diventando nell’ultima estate il colpo lastminute. A luglio Claudio Lotito iniziò ad avvertirlo di una possibile rottura col Loco, e quando arrivò la telefonata decisiva Inzaghino accettò al volo la proposta biancoceleste. Così, quella che poteva sembrare la chiusura di un affrettato piano B, si è rivelata una mossa vincente. E non a caso, come si legge sull’edizione odierna de La Repubblica, la Juventus lo starebbe attenzionando per la prossima stagione come possibile sostituto di Massimiliano Allegri. Equilibrato, razionale, rispettoso, umile, lucido nei giudizi, mai una parola fuori posto: sarà difficile sottrarlo alla società capitolina, che già pensa di farlo diventare il Ferguson della Lazio. Presto gli proporrà il rinnovo, con ben altre cifre e rivedendo molti aspetti. Il vero top player è lui, Lotito ringrazia Bielsa per aver rifiutato il matrimonio.