Inter, conferenza Conte: «La Lazio si sta imponendo, sarà una partita difficile»

© foto @CalcioNews24

Alla vigilia di Lazio-Inter, il tecnico nerazzurro Antonio Conte ha presentato la gara durante la canonica conferenza stampa

Le parole del tecnico nerazzurro, Antonio Conte, alla vigilia della gara tra Lazio ed Inter riportate dal portale Sky.it: «Sarà una partita con un alto indice di difficoltà. La Lazio si sta imponendo anche a livello di trofei, è cresciuta tanto mantenendo i giocatori più forti, Inzaghi sta facendo un ottimo lavoro. C’è stato uno sviluppo del suo lavoro in questi anni. Penso sia una partita tra due outsider del campionato italiano, credo sia la definizione migliore».

VAR – «Sinceramente non mi piace, io non devo chiamare nessuno. Se c’è una situazione chiara, sotto gli occhi di tutti, devono vederla gli arbitri. Abbiamo già tanti pensieri durante le partite, ci manca solo che dobbiamo chiamare il Var. La gente che sta lì cosa fa? Le immagini sono abbastanza chiare per prendere una decisione uniforme al 95%. Quindi la trovo una cosa non utile, ci sono le immagini che parlano».

ERRORI – «Contro il Milan abbiamo giocato a tutto campo, a viso aperto, quindi è uscita fuori una partita spettacolare. La partita contro il Napoli è stata diversa, loro hanno attuato una strategia molto difensiva, ottenendo un buonissimo risultato. Contro la Lazio sarà un’altra partita, è una squadra più avanti nei lavori rispetto a noi perché lavorano da tanto tempo insieme, va dato merito a Inzaghi, a Tare e al presidente per questo ottimo lavoro».

LAVORO – «La Lazio ha vinto la Supercoppa perché ha costruito, non hanno venduto giocatori con valutazioni importanti, rinforzando i reparti con una programmazione. Bisogna avere pazienza e lavorare, se si viene apprezzati nel proprio lavoro si può continuare a crescere».

PARTITA – «La Lazio viene da prove di forza talmente evidenti che vorranno giocarsi la partita. Cercheremo, come faranno anche loro, di esaltare i pregi e limitare i difetti. Vogliamo entrambi vincere».