Immobile: «Soddisfatto dei 13 gol, anche se avrei potuti farne di più…»

immobile irrati lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Immobile riacciuffa l’Empoli e inizia la rimonta completata da Keita. Il bomber è intervenuto a Sky Sport, Mediaset e Lazio Style

Con il suo gol ha dato il la alla rimonta. Ciro Immobile ritrova la rete e sale a quota 13 in Serie A. Il bomber napoletano, analizza la sua partita e dei suoi compagni ai microfoni di Sky Sport: «Sono soddisfatto e in linea con i miei numeri, quest’anno avrei potuto segnare di più, ma ho una media di un gol ogni due partite, quindi sono soddisfatto di questi tredici. Sono contento per i gol, servono per la squadra. Una rete che allontana le critiche? Il mister lo ringrazio sempre, ha speso belle parole per me. Le critiche sono giuste, ne ho ricevute negli anni, sono abituato. Poi quando fai gol è ancora più bello».

L’attaccante napoletano ha parlato anche ai microfoni di Premium Sport: «Sono felice di aver scelto la Lazio, siamo una squadra che giochiamo bene a calcio e abbiamo un bravo allenatore. Sono felice per questi 13 gol. La Lazio concretizza poco? Mi fischiano tantissimo le orecchie (ride, ndr). Io cerco sempre di fare il massimo e di arrivare prima sulla palla, poi delle volte va bene e delle volte no. Europa? E’ una Lazio che sta giocando bene, purtroppo i risultati non arrivano sempre, come con Chievo e Milan. Noi cerchiamo sempre di far gioire i nostri tifosi, anche oggi erano tantissimi. L’Europa comunque resta il nostro obiettivo. Momento di crisi? Noi viviamo di qualche momento di pausa e soffriamo quando non segniamo. Noi attaccanti ci arrabbiamo di più quando non abbiamo le occasioni e non quando non le sfruttiamo. Io non credo di aver avuto momenti negativi, anche perchè quando non ho fatto gol la squadra ha vinto. Doppio attaccante? Ho giocato a due e a tre, non ho nessun problema. Anche in Nazionale giochiamo con due attaccanti e sono agevolato».

LAZIO STYLEL’ex bomber del Siviglia è intervenuto infine ai microfoni di Lazio Style Radio: «Tra due giorni è il mio compleanno, festeggiarlo con la vittoria è ancora più bello. Oggi tripla gioia: vittoria, gol e compleanno. E’ stato importantissimo il gol di oggi, la squadra stava soffrendo, non era nemmeno un gol semplice, la palla era molto alta. Segnato il gol del pareggio ci siamo riversati in avanti e l’abbiamo portata a casa. Ora dobbiamo preparare bene la partita con l’Udinese, al derby ci penseremo solo dopo domenica. Vogliamo tornare a vincere in casa, non lo facciamo da due partite. Per continuare questa corsa all’Europa è fondamentale fare bene in casa. Io infallibile? Soffro quando non segno e la squadra non vince, oggi è arrivato tutto, sono felice. Non penso a quello che è stato detto in settimana, vado avanti a testa alta perché so il lavoro che sto facendo. Sono rimasto tranquillo, ho la fiducia del mister e di tutto lo staff. Anche i tifosi mi sono rimasti vicino. Quando non segni ricevi critiche, ma in passato ne ho ricevute anche di peggio. Ho cercato di vivere la settimana bene, la mia famiglia mi è stata vicina. Non sono uno che si butta giù, in passato ho subito di peggio. So quanto mi impegno, vado avanti a testa alta».

ZONA MISTAInfine l’attaccante di Torre Annunziata, si è concesso alle domande dei cronisti presenti in zona mista: «Abbiamo fatto un grande primo tempo. Siamo stati bravi a reagire dopo il loro gol e siamo andati all’arrembaggio. C’è tanta gioia per questo gol perché venivo da una settimana particolare e stavamo in svantaggio. Per me è un ottimo momento, a volte le critiche rafforzano. Io vado avanti a testa alta perché so l’impegno che ci metto. È un messaggio anche per la Nazionale, sono tanto contento. noi lavoriamo per andare in Europa, è quello il nostro obiettivo. Derby? Sappiamo che la gente ci tiene, dopo l’Udinese ci dedicheremo completamente a quello».

Articolo precedente
keita biglia formelloKeita: «Ringrazio i tifosi per il supporto. Darò tutto per questa maglia»
Prossimo articolo
inzaghiInzaghi: «Grande reazione dei miei ragazzi, possiamo ancora crescere». E su Anderson…