Diaconale: «Correa piace ad Ancelotti? Piace anche ai laziali! Il progetto di Lotito…»

diaconale lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Il responsabile della comunicazione della Lazio Arturo Diaconale si è espresso sulla vittoria dei biancocelesti contro il Milan

A qualche ora dalla vittoria della Lazio in Coppa Italia contro il Milan, ha preso parola anche il responsabile della comunicazione biancoceleste Arturo Diaconale. Intervenuto sulle frequenze di Radio CRC, ecco le sue dichiarazioni: «Il presidente Lotito attua una politica societaria ispirata alla necessità di compiere passi adeguati, che non portino a tracolli e squilibri. I fatturati devono essere elevati ma anche i bilanci devono essere in ordine. Lotito ha portato avanti un progetto che si è perfezionato nel corso degli anni e che ha trovato grandissimi interpreti, partendo dal ds Tare fino ad arrivare a Inzaghi. Il mister sta portando la Lazio ad un livello raggiunto solo poche volte dalla squadra. Il progetto del presidente sta dando i giusti risultati, ha la capacità e la bravura di superare indicenti di percorso causati dalla poca esperienza. La squadra può vedersela con chiunque. Correa piace ad Ancelotti? Correa piace molto anche a Lotito e ai laziali. Da tifoso, lo terrei». 

POLITICA «I gesti di ieri sono conseguenza del fatto che manca una certa educazione civica nella società. Vige una violenza fisica ma soprattutto verbale. Comunque non mi sembra che ieri si siano verificati cori ed altri gesti vergognosi. Farei una distinzione tra politica e calcio, sono due cose che non si dovrebbero intrecciare. Se ci sono gruppi che vogliono manifestare le loro idee politiche, lo facciano nel rispetto delle leggi. Ieri la Lazio ha ricordato che i valori su cui è nata sono valori dello sport. Bisogna riconoscere che l’infiltrazione della politica nel calcio risale agli anni ’70, e contro questa politicizzazione delle curve è stato fatto ben poco. E’ necessaria un’azione educativa, non solo repressiva. L’attenzione mediatica alimenta questi gesti vergognosi, andrebbero ignorati».