D’Amico: «Luis Alberto? Ha fatto un gol incredibile, se l’avesse siglato Totti…»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex giocatore della Lazio Vincenzo D’Amico ha detto la sua sul momento della Lazio e su alcuni giocatori fondamentali

Una Lazio da amare quella guidata da Simone Inzaghi, che sta ottenendo il favore di tanti addetti ai lavori, oltre a quello di numerosi ex biancocelesti. L’ultimo a commentare il brillante cammino dei capitolini è stato Vincenzo D’Amico che, ai microfoni di Radio Incontro Olympia, ha iniziato la conversazione soffermandosi su Luis Alberto ed il gran gol siglato contro la Spal: «Luis Alberto ha fatto un gol incredibile. Mi è piaciuto il commento di qualche amico. Se l’avesse fatto Totti avrebbe girato il mondo. C’è tutto. Tranquillità, tecnica, abilità. Quando arriva la palla lui non può tirare subito, lo dribbla con la finta, e con la suola ne manda a terra altri due. Ciliegina sulla torta il piazzarla sul palo lungo. Gol alla D’Amico? Non è blasfemo dirlo. Questo è un gran giocatore. Mi domando dove stava…».

ASSIST«L’assist di Milinkovic-Savic è più difficile. Quello di Luis Alberto è un gran passaggio, ma Sergej riesce anche a tenere a bada il difensore che lo contrasta. Luis Alberto fa una cosa bellissima che però si fa».

MENTALITA’ «Sicuramente una Lazio molto organizzata, anche se contro l’Inter mi ha dato la sensazione della grande squadra. L’avversario SPAL era comunque molto inferiore. Inzaghi è determinante. Spalletti ad esempio è un grande allenatore, ma sta iniziando a conoscere piano piano l’ambiente, la società e la tifoseria. Simone Inzaghi conosce già tutto. Ha vissuto la Lazio per tanto tempo e la sua forza è stata presentarsi con umiltà da calciatore. Delicatezza e gentilezza. Credo che abbia conquistato i giocatori».

MERCATO«Caceres non basta perché non è neanche più un centrale, gioca molto più da esterno. Per arrivare 4° basta secondo me questa di squadra. Felipe Anderson è comunque un acquisto, e va considerato tale. Wallace? Bastos è superiore. Per me è il 5° centrale, gli preferisco anche Luiz Felipe».