Cucchi: «Caicedo-Correa è una coppia che mi piace. Ai tifosi dico che…»

cucchi
© foto @LazioNews24

L’analisi di Riccardo Cucchi in vista del match di domani tra Lazio e Siviglia

Poco più di 24 ore separano la Lazio dall’importante sfida di Europa League contro il Siviglia. Non sarà una gara semplice per i ragazzi di Inzaghi che dovranno fare i conti anche con le tante defezioni. Riccardo Cucchi dice la sua ai microfoni di Lazio Style Radio: «Sono ancora incredulo per l’esito di quella partita della scorsa stagione contro il Salisburgo. Il limite della formazione di Inzaghi è questo appannamento mentale che in alcune occasioni coinvolge i giocatori. In una partita non c’è mai un momento per potersi rilassare. Questo è uno dei limiti che ha impedito alla Lazio di ottenere alcuni risultati nella stagione passata. Ma questi errori contro il Siviglia non devono esserci, perché il club spagnolo non perdona».

CAICEDO – «Immobile sta pagando l’enorme sforzo e il sacrificio che riserva alla sua squadra. Evidentemente è un giocatore che ha bisogno di sentire la fiducia della squadra. Diciamoci anche la verità, spesso è stato criticato dall’opinione pubblica e da quella giornalistica. Dal punto di vista tecnico non ha un alto profilo, ma da quello qualitativo sì. Credo che sia importante per lui ora essere al centro dell’attacco della Lazio e lo aiuterà ad avere quella grinta che gli servirà contro una squadra, come il Siviglia, molto forte».

TIFOSI – «Un po’ mi sorprende la timidezza dei tifosi biancocelesti, non capisco perché non siano andati in massa ad acquistare i biglietti per la partita di giovedì. Capisco le difficoltà economiche che alcuni possano avere, tutti noi abbiamo difficoltà ormai a far quadrare i conti a fine mese. Questa partita, però, merita davvero una grande cornice di pubblico e la squadra ha bisogno dei suoi tifosi».

TATTICA  «Credo che la Lazio riesca a esprimersi meglio con squadre tecniche. Contro il Siviglia la qualità della squadra di Inzaghi può emergere meglio. Non dobbiamo dimenticare, però, che almeno a livello tecnico la rosa spagnola è più forte. Questo è inutile nasconderlo, serve invece averne consapevolezza».

LUIS ALBERTO – «Conosce i suoi avversari e potrebbe essere un valore aggiunto. L’unico limite che ha è quello della continuità, ma credo che con questo nuovo ruolo che gli sta facendo ricoprire Inzaghi riesca a brillare di più. Con questi cambiamenti il mister sta rispondendo alle critiche di immobilismo tattico che gli erano state mosse. La novità che fa veramente la differenza è quella di avere due punte, perché credo che in questo modo la Lazio riesca a esprimersi meglio. La coppia Caicedo-Correa mi piace davvero molto».

ROMULO – «Finalmente la Lazio ha trovato un giocatore che sa crossare bene. Questa è una capacità che sia in Italia che nel calcio internazionale si sta un po’ perdendo. C’è una tendenza a crossare male. Romulo tornerà veramente utile alla Lazio».