Cravero: “Acerbi o Tonelli? Preferisco de Vrij”. E su Zaza e Immobile…

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex difensore della Lazio, Roberto Cravero, ha parlato della gara vinta contro l’Inter ai microfoni di Lazio Style Radio: “Lazio-Inter è stata una buona gara, se avessero giocato molte partite con questa intensità si starebbe parlano di un’altra stagioneSono i giocatori talentuosi che ti fanno vincere, la Lazio ha strameritato la vittoria ma proprio partite come questa ti fanno uscire dallo stadio con molti rimpianti. Non mi riferisco alla partita con la Sampdoria, dove la Lazio ha giocato molto bene, se Candreva avesse realizzato il rigore sarebbe stata una partita diversa. I rimpianti sono per la stagione, per i giocatori che non sono riusciti a rendere, per le scelte fatte, non posso accettare di vedere un Keita in forma e non utilizzarlo“.

 

Sui giocatori che in questa stagione hanno avuto poco spazio, come Keita: “Sono i giocatori talentuosi che ti fanno vincere, la Lazio ha strameritato la vittoria ma proprio partite come questa ti fanno uscire dallo stadio con molti rimpianti. Non mi riferisco alla partita con la Sampdoria, dove la Lazio ha giocato molto bene, se Candreva avesse realizzato il rigore sarebbe stata una partita diversa. I rimpianti sono per la stagione, per i giocatori che non sono riusciti a rendere, per le scelte fatte, non posso accettare di vedere un Keita in forma e non utilizzarlo“.

 

Sulla prossima sessione estiva di mercato: “Prenderei subito sia Zaza che Immobile, Van Persie mai. Immobile la porta la vede, Zaza deve ripartire e lo vedrei bene sponda biancoceleste. Van Persie ha perso un po’ di velocità secondo me. Acerbi e Tonelli? Mi piacciono come caratteristiche, però preferirei rientrasse de Vrij, con Hoedt, che ha ripreso fiducia e come coppia non lo sottovaluterei, sono anche molto veloci. Bisognerà dare il tempo a de Vrij di recuperare al 100% perché è stato fermo un anno. Va bene applicarsi, devi dimostrarmi le qualità sul campo. Mi piacciono come approcciano con personalità e professionalità la gara. De Vrij la scorsa stagione ha fatto un campionato straordinario, poi intendiamoci, i sostituti non hanno reso. Mauricio non ha reso come doveva, Gentiletti dopo l’infortunio ha perso qualcosina. La coppia olandese secondo me è ben assortita.

 

Sui problemi difensivi: “Il leader della difesa si prende delle responsabilità come impostare il gioco e distoglie l’elemento che ti fa andare in difficoltà, sbagliando di meno hai più fiducia. Il calcio è anche molta psicologia, tensione e tane altre componenti. Avere un portiere che ti guida e carica è importante, a seconda dei giocatori che hai. Se hai una difesa timida, il portiere così ti aiuta molto. Quando c’erano Nesta e Mihajlovic ,Peruzzi non aveva bisogno di urlare. Dipende dalla situazione, se ora hai due difensori sotto pressione e non sicuri di sé, che sentono le critiche, una persona forte che ti guida in porta può aiutare.”