L’Avv. Gentile: «Valuteremo le parole di Martusciello». Il mister si difende…

Martusciello
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo le parole dell’allenatore dell’Empoli Martusciello riguardanti la poco professionalità della Lazio nel match contro il Crotone, la risposta dell’avvocato Gentile…

AGGIORNAMENTO – Alla polemica risponde il diretto interessato: Giovanni Martusciello. L’allenatore dell’Empoli vuole difendersi dal polverone alzatosi dopo le dichiarazioni su Crotone-Lazio. Lo fa attraverso Empoli Channel: «Non ho mai messo in discussione la professionalità della Lazio e quindi non capisco il senso di tutta questa confusione. Avevo detto che nella settimana precedente alla sfida col Palermo si era parlato di noi come se fossimo in difetto perché avevamo un punto in più e si sono fatte insinuazioni sulla serietà dei nostri avversari per il discorso del paracadute, quasi dimenticando che la salvezza si giocava anche su un altro campo e che il Crotone doveva battere la Lazio che era quarta. Tutto qui».

IL FATTO – Le parole pesanti utilizzate dall’allenatore dell’Empoli Martusciello all’indirizzo della Lazio – ‘colpevole’ di poca professionalità nel match contro il Crotone – hanno fatto infuriare i tifosi biancocelesti…e non solo. Intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia, l’avvocato Gentile, legale del club capitolino, ha dichiarato: «Apprendo le parole del tecnico dell’Empoli Martusciello che si è espresso sulla regolarità e soprattutto sulla professionalità della Lazio. In particolar modo riguardo il comportamento e l’atteggiamento della squadra nell’ultima giornata di campionato a Crotone contro la squadra calabrese, che in quella partita si giocava la salvezza e la permanenza in A. Forse l’allenatore del club toscano ha perso la testa data la sconfitta subita sul campo del Palermo e la cocente delusione per la conseguente retrocessione. Oltre alla Procura Federale che si potrebbe pronunciare su un’eventuale sanzione disciplinare, con la Società Sportiva Lazio valuteremo con la dovuta calma se e come muoverci…»