Petkovic: «La Coppa con la Lazio l’emozione di una carriera. Il mio addio? Non faccio polemiche però…»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Petkovic: «La Coppa con la Lazio l’emozione di una carriera. Il mio addio? Non faccio polemiche però…»

Pubblicato

su

Vladimir Petkovic, ex allenatore della Lazio, ha ricordato la Coppa Italia vinta nel 2013 contro la Roma ad un giorno dal decennale

Vladimir Petkovic, ex allenatore della Lazio, è stato intervistato da Il Messaggero ad un giorno dal decennale per la Coppa Italia vinta contro la Roma nel 2013:

COPPA ITALIA 2013 – Sicuramente grande onore, ma solamente dopo tanto tempo ho capito cosa abbiamo fatto. Sono molto contento per tutti i laziali. Vengo spesso a Roma, ho molti amici e posso solo ringraziare i tifosi per il sostegno che mi hanno dato in quel periodo. Spesso mi chiamavano, ho avuto un bel rapporto con loro. Euforia? Non siamo riusciti a gestirla. Battere la Roma è stato fantastico ma nei mesi successivi abbiamo pagato la vittoria di quella Coppa Italia.

MOSSA VINCENTE – Sicuramente la grigliata con le famiglie il giorno prima a Formello, quando siamo tornati da Norcia. Una scelta che ci ha dato tranquillità e motivazioni. Tanti, forse Ledesma e Mauri su tutti, ma eravamo una squadra matura quindi l’abbiamo gestita meglio magari ai loro De Rossi e Totti.

PERCORSO – Molto difficile. In semifinale abbiamo vinto contro la Juventus che però ha avuto un’occasione pazzesca quasi allo scadere. Non dimentico nemmeno la gara col Siena. Siamo stati anche una delle poche squadre che ha schierato tre portieri e hanno fatto tutti bene. Come la composizione di un mosaico

FINALE E LULIC – In apnea. Nei derby tutto è possibile, non puoi mai pensare di aver già vinto. La partita è stata sempre in bilico. Loro hanno avuto anche una grande chance negli ultimi minuti ma abbiamo reagito bene portando a casa il risultato. Gol Lulic? Con lui ho avuto sempre un rapporto speciale, siamo stati insieme in tre squadre. Sono molto contento che è riuscito a segnare questo gol storico al minuto 71. Peccato per come è finita la sua storia alla Lazio. Si può andare d’accordo o meno ma non si dovrebbe mai chiudere un rapporto così. Ci vuole un pò di senso di giustizia e di rispetto

ADDIO ALLA LAZIO – Diciamo che preferisco non fare polemiche. Per me parla la causa vinta dopo sei anni e mezzo: io non ho sbagliato. Comunque la società mi ha chiamato due settimane fa per invitarmi allo stadio contro la Cremonese ma purtroppo non ci sarò perchè sono impegnato con i miei genitori a Sarajevo. Mi dispiace

RITORNO IN PANCHINA – Sì, ma volevo aspettare un pò per tornare ad allenare ad alti livelli. In estate ricomincerò a mettermi in mostra e sto ancora attendendo offerte. Nel frattempo mi sono dedicato a cose private. Si è anche sposata mia figlia quindi sono riuscito a distrarmi in questo periodo di pausa.

LAZIO DI SARRI – Ha fatto un bel campionato. La rosa è un buon misto tra giocatori giovani ed esperti. Sicuramente Sarri ha fatto il suo dovere. D’altronde è un allenatore con un pedigree importante e alla Lazio sta confermando le sue grandi doti. Rosa? Lascio valutare alla societ queste cose, è il loro lavoro

FRIZIONI TARE-SARRI – Ho letto qualcosa sulle frizioni fra lui e Sarri ma preferisco non commentare. Posso solo dire che è un grande professionista e ha avuto tanti meriti per l’evoluzione mostrata dalla squadra in questi anni. Secondo me va allargata la rosa con giocatori di grande qualità. Vogliono sempre vincere, non si accontentano di quattro o cinque risultati buoni. Ogni giorno pretendono di più e trasmettono la mentalità vincente al resto dei compagni

PERCORSO IN EUROPA LEAGUE – Tasto dolente. Siamo arrivati fino ai quarti e hanno fatto di tutto per buttarci fuori. Con il Fenerbahce è stato clamoroso quello che abbiamo subito ma già prima contro il Borussia Monchengladbach ci avevano dato tre rigori contro in casa loro. E abbiamo pure giocato due gare a porte chiuse

CAMPIONATO ITALIANO – Lo seguo molto bene, so più o meno quello che sta succedendo. In più vengo spesso in Italia perchè non abito molto lontano (in Svizzera). Con un’offerta convincente ci farei un bel pensierino a tornare. Coppe europee? Parlando da tifoso del calcio italiano dico che può succedere di tutto ma almeno un trofeo deve essere vinto. Il mio non lo dimenticherò mai. Tanti auguri a tutti i tifosi della Lazio per domani

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.