De Vrij-Inter, l’agente Fifa Morabito: «Ecco perchè l’Inter ha agito correttamente»

calciomercato lazio de vrij immobile
© foto www.imagephotoagency.it

L’agente Fifa Vincenzo Morabito ha detto la sua in merito al caso che coinvolge il passaggio di Stefan de Vrij in nerazzurro

Due giorni a Crotone-Lazio, ma a creare scompiglio nell’ambiente laziale è ciò che riguarda il futuro di Stefan de Vrij. Come annunciato la scorsa giornata da “La Gazzetta dello Sport”, è stato depositato il contratto del centrale olandese che nella prossima stagione vestirà nerazzurro. Una notizia che ha lasciato molte perplessità ai tifosi, che adesso non sanno cosa gli preserverà il destino in queste ultime due giornate. A tal proposito è intervenuto l’agente Fifa Vincenzo Morabito, con un post pubblicato sul proprio account ufficiale di facebook: «Che bravi giornalisti che abbiamo, sempre pronti a creare malumori e polemiche che destabilizzano e danneggiano. Riescono quasi sempre nello scopo perché puntualmente qualcuno cade nella trappola. Finora era andato tutto liscio nella vicenda De Vrij Lazio. Nessuna dichiarazione da parte del calciatore e della società, comportamento in campo dell’olandese perfetto, sempre tra i migliori. Ma a qualcuno sta cosa non andava bene e avvicinandosi quello che ormai si può considerare uno spareggio per la Champions tra Lazio e Inter, ecco che viene sparata fuori la non notizia del contratto di De Vrij con l’Inter depositato. Il calciatore cade nella trappola e conferma di non esserci più possibilità che resti alla Lazio. E a questo punto si scatenano le polemiche. Il tifoso laziale, che in cuor suo aveva avuto qualche speranza che alla fine il ragazzo fosse rimasto, sbrocca. D’altronde io stesso faccio fatica a comprendere la scelta sportiva di De Vrij, ma in questo caso ci sono delle responsabilità precise di chi ha cambiato le carte in tavola all’ultimo minuto, provocando la rottura tra calciatore e società. Il ragazzo a gennaio era d’accordo con la Lazio e felicissimo di restare, poi purtroppo nel giro di pochissimo è cambiato tutto. Certo sarebbe bastato che De Vrij avesse ascoltato se stesso invece di certi “consiglieri” ma credo che ormai di situazioni così nel calcio attuale ce ne siano fin troppe. Tornando alla cronaca, a inizio febbraio Tare fece una dichiarazione che confermava la rottura delle trattative e che non lasciava più spazio a un futuro biancoceleste per De Vrij. Quindi c’è stato il via libera da parte della Lazio ad altri club. Juve, Real e le big inglesi non hanno considerato l’ingaggio di De Vrij per vari motivi».

L’ACCORDO CON L’INTER –  «L’Inter invece ha trovato l’accordo con gli agenti olandesi che evidentemente hanno ottenuto ciò che volevano, un po’ di euro in più per il proprio assistito e ciò che, giustamente, la Lazio aveva loro rifiutato ed evito di entrare nei dettagli. Da parte di Piero Ausilio, DS dell’Inter non c’è stato nessun comportamento scorretto. Non è andato a insidiare la ragazza impegnata ma l’ha corteggiata nel momento in cui era stata definitivamente e pubblicamente abbandonata. E non ha neanche fatto dichiarazioni pubbliche sull’accordo raggiunto. Infatti la notizia del fantomatico deposito del contratto non parte dall’Inter, che non ha pubblicato nessun comunicato ufficiale a tal proposito. Diciamo la verità, noi laziali, siamo caduti nella trappola insieme al calciatore. Ci hanno stizzito e infastidito quelle parole pronunciate fuori Formello l’altro giorno. Ma dell’accordo con l’Inter si sapeva da mesi, mancava solo l’ufficialità e conoscendo Ausilio, che è persona corretta e perbene, non avrebbe mai ufficializzato una cosa a pochi giorni dalla fine del campionato. Ci ha pensato qualche “sorcio” quasi certamente romanista a scatenare questa polemica tra noi laziali e il calciatore. E adesso? Io direi che la cosa migliore è quella di ricominciare a parlare della prossima partita, di calcio. Lasciamo in pace De Vrij. Ha fatto la sua scelta, purtroppo per noi sbagliata e probabilmente andrà a far parte del gruppo di coloro che se ne sono andati perché volevano vincere: Hernanes, Candreva, Biglia, Keita. Noi nel frattempo abbiamo vinto e continueremo a vincere. D’altronde meglio avere uomini in squadra che non si fanno convincere da chi non ha a cuore la carriera del proprio assistito ma pensa solo agli aspetti economici. Mettiamo fine a questa polemica».

LE PROSSIME DUE PARTITE – «Lasciamo tranquillo De Vrij che da febbraio a oggi sta dando il massimo per chi lo ha sostenuto in questi anni e lo sosterrà fino al giorno dopo Lazio Inter. Non costringiamo il calciatore a tirarsi fuori l’ultima partita per colpa di noi tifosi. De Vrij è e resta un nostro calciatore ancora per 180 minuti e quindi deve essere sostenuto fino all’ultimo. Abbiamo già Radu, Parolo, Immobile e Luis Alberto alle prese con infortuni, non togliamo a Inzaghi un altro titolare, perché era proprio quello l’obiettivo di chi ha tirato fuori una non notizia, con lo scopo di destabilizzare e danneggiare il nostro spogliatoio. Sono sicuro che De Vrij darà il massimo per questa maglia, come ha fatto fino ad oggi, e ci porterà insieme agli altri ragazzi a raggiungere il meritato traguardo».

Articolo precedente
Crotone, Rodhen: «Ecco cosa fare per battere la Lazio…»
Prossimo articolo
klose germania lazioBayern Monaco, Klose allenerà l’Under 17: «Farò di tutto per ripagare la fiducia riposta in me»