Ventura: “Dobbiamo dare continuità di prestazioni, Lazio avversario difficile”

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico granata Giampiero Ventura è intervenuto in conferenza stampa presso la sala conferenze dello stadio Olimpico di Torino alla vigilia del lunch match di domani contro la Lazio. “

“Questa mattina c’era talmente tanta neve – ha esordito l’allenatore dei piemontesi – che non ci siamo potuti allenare bene, la nevicata era prevista e sono rimasto sorpreso per non aver visto i teloni sul campo dell’Olimpico. La Lazio? E’ una squadra difficile da affrontare: quando sta bene gioca con grande intensità e dunque sarà diversa dalle ultime sfide perché non credo ci attenderanno nella loro metà campo, ma verranno a prenderci”

 

“Contro il Milan era importante ritrovare il sorriso , la voglia di giocare a calcio divertendosi e facendo divertire, a sprazzi si è visto questo. Domani vorrei vedere un buon risultato perché i tifosi ne hanno bisogno, ma soprattutto vorrei che la squadra riuscisse a dare continuità a quanto fatto a San Siro sul piano del gioco. Senza paure, senza pensieri per la testa. Abbiamo iniziato bene, poi siamo calati vistosamente. Se noi facciamo le giuste prestazioni, impregnate di lucidità e spensieratezza, possiamo giocarcela con tutti. Ma evitiamo di parlare di posizioni di classifica in questo momento. Se invece giochiamo come contro l’Udinese direi che possiamo tranquillamente perdere contro tutti. Noi abbiamo impostato la nostra filosofia con il risultato che non è l’obiettivo, ma la conseguenza di una prestazione di livello”.

 

Trattandosi di lunch match ci sarà qualche variazione nell’avvicinamento alla partita: “Il programma di domani mattina sarà: sveglia alle 8.00 per fare risveglio muscolare, poi mangeremo alle nove del mattino. Non tutti mangiano le stesse cose, chiaramente ci sono i carboidrati perché servono e ci affidiamo ad un nutrizionista esperto come è normale che sia. Domani sarà una verifica importante perché la Lazio ci è ostica, l’orario non ne parliamo. Insomma, le motivazioni non mancano”.