Berisha in conferenza: «E’ un sogno essere qui! Voglio la Lazio tra le Top5 della Serie A!»

Berisha
© foto Twitter @OfficialSSLazio

Anche Valon Berisha si è presentato ufficialmente al popolo biancoceleste nel corso della conferenza presso la sala stampa di Formello

Dopo Acerbi e Durmisi, anche Valon Berisha si è presentato ufficialmente al popolo laziale nel corso della conferenza stampa. L’intervento dell’ex Salisburgo è stato introdotto dalle parole del ds Tare: «E’ un grande piacere presentare Valon Berisha. Non ho nascosto l’ammirazione che avevo per lui: ha qualcosa che rappresenta lo spirito di questa società. E’ un guerriero, un giocatore che non molla mai. Una persona importante sia dentro che fuori dallo spogliatoio. E’ stato un mio obiettivo, e sono contento che l’operazione sia andata a buon fine. Penso che onorerà questa maglia».

La Lazio può ambire ad arrivare alla fine dell’Europa League?

Grazie per le belle parole del direttore. Sono contentissimo di essere qui. Giocare per la Lazio è qualcosa di più dopo l’esperienza con il Salisburgo. L’anno scorso abbiamo giocato bene, sia in Europa League che in campionato. Non vedo l’ora di far vedere il mio talento in Italia.

Che clima hai trovato all’interno dello spogliatoio? Come stai fisicamente?

Sono ancora leggermente infortunato, ci vorranno anche 10 giorni. Mi sto allenando. E’ un sogno giocare con la Lazio ed in Serie A. Ho parlato con il ds: mi ha spiegato tutte le ambizioni. L’atmosfera è bellissima, abbiamo una bella squadra. Sono giovane ma ho tanta esperienza, voglio ancora imparare, migliorare e aiutare la squadra. Voglio vincere, spero che la Lazio arrivi nella Top 5 della Serie A. Voglio ringraziare tutti i tifosi che mi hanno dato un caloroso benvenuto.

Hai un obiettivo personale?

Ci sono tanti centrocampisti, hanno fatto benissimo l’anno scorso. Mi devo far vedere, spero di diventare titolare ed aiutare la squadra a vincere. Il mister sceglierà gli unidici che giocheranno e se non giocherò titolare, darò tutto quando entro.

Quando ha segnato Immobile, pensavi che il Salisburgo potesse vincere?

Sono un guerriero. Quando Ciro ha segnato, noi ancora ci credevano, potevamo cambiare la partita. Sono cose che succedono 1/2 volte l’anno. E’ stata una notta magica, ma ormai fa parte del passato. Spero di passare notti così anche con la Lazio.

Ruolo preferito?

Per me la posizione ideale è il numero 8. Così giocavo anche a Salisburgo. Aiuto sempre sia la difesa che l’attacco, vado dall’area all’area.