Emiliano Sala, sospese le ricerche. La Polizia: «Poche speranze che ci siano sopravvissuti»

Sala
© foto @Instagram

Tragedia Emiliano Sala, spunta un audio shock. I soccorritori: «Nessuna speranza». E la Polizia sospende le ricerche

AGGIORNAMENTO DEL 24/01 ORE 16:35 – Secondo quanto riportato da Sky Sport, sono state sospese le ricerche per il ritrovamento dei passeggeri dell’aereo su cui viaggiava Emiliano Sala. «Nonostante gli sforzi e le ricerche più scrupolose attorno alle Isole del Canale, non siamo riusciti a trovare nessuna traccia del velivolo, del pilota o del passeggero. Abbiamo esaminato le informazioni finora in nostro possesso e, considerato il tipo di equipaggiamento di salvataggio presente a bordo, abbiamo preso la difficile decisione di interrompere le ricerche. Le probabilità di sopravvivenza, allo stato attuale, sono estremamente remote». Con questo comunicato la Polizia di Guernsey spegne le possibilità sul ritrovamento dei corpi.

AGGIORNAMENTO ORE 16.15 – Dai media inglesi rimbalza la voce di un ufficiale che sta coordinando le ricerche del velivolo con a bordo Emiliano Sala: “Nessuna speranza” per l’uomo di ritrovare in vita l’attaccante e il pilota.

AGGIORNAMENTO ORE 16.00 – E’ stato identificato il pilota che era a bordo del velivolo scomparso nel Canale de La Manica: si tratta di Dave Ibbotson, un uomo di una sessantina d’anni che viveva nella periferia di Leeds. In un post su Facebook lo stesso Ibbotson, dall’aeroporto di Nantes, aveva confessato di essere “un po’ arrugginito” poche ore prima del volo per Cardiff. Si è scoperto anche il nome del proprietario dell’aereo. Si tratta di Willie Mackay, un procuratore che ha partecipato come intermediario al trasferimento di Sala al Cariff pur non essendo il suo procuratore vero e proprio.

AGGIORNAMENTO 15.20 – Il calcio si stringe tutto attorno alla tragedia di Emiliano Sala. Continuano le ricerche della polizia del velivolo su cui il giocatore viaggiava, ma mentre le forze locali lavorano senza sosta, l’ex fidanzata  – Berenice Schkair – ha fatto pesanti dichiarazioni sui social. Tutto è avvenuto su Twitter, anche se poi la ragazza ha rimosso lo status in cui accusava: «Indagate sulla mafia del calcio perché non credo ad un incidente».

AGGIORNAMENTO 14.00 – «Potrebbe essere ancora vivo, salvatosi su una zattera. Concentreremo le nostre ricerche su una zona precisa dove, secondo noi, abbiamo la più alta probabilità di trovare qualcosa. Le zone costiere intorno ad Aurigny, così come le rocce e le isole, saranno ugualmente esaminate dall’alto». Questo è il tweet con cui la polizia di di Guernesey ha fatto il punto della situazione sulle ricerche del giocatore.

Ogni ora che passa crescono sempre più le sensazioni negative. L’aereo su cui era salito Emiliano Sala non è ancora stato ritrovato, il padre è disperato: «Vorrei rivederlo vivo, ma ormai ho perso le speranze». Le ricerche continuano e la Guernsey Police non si arrende, si sta muovendo su quattro ipotesi: l’aereo è atterrato da qualche altra parte, ma i piloti non si sono messi in contatto, è atterrato in mare e sono salpati su una nave di passaggio ma non si sono messi in contatto, sono atterrati in acqua utilizzando la zattera di salvataggio, l’aereo si è rotto al contatto in acqua lasciando in mare i passeggeri. Ogni opzione non viene esclusa al momento, anche se l’ipotesi zattera di salvataggio rimane prioritaria sulle altre (perchè in tal caso ci sarebbero possibilità di trovare l’equipaggio ancora vivo). Si attendono altri aggiornamenti nelle prossime ore.

AUDIO DI SALA AL COMPAGNO ROLÁN – Qualcosa di strano c’era già prima della partenza, lo ha confermato l’audio girato da Sala agli amici e fatto circolare dal quotidiano ‘El Clarin’. Ecco le sensazioni confessate al compagno Diego Rolán: «Sono qui sull’aereo che sembra che sia sul punto di cadere a pezzi e sto andando a Cardiff… Se entro un’ora e mezza non avete mie notizie, non so se manderanno qualcuno a cercarmi perché non mi troveranno ma… lo sai. Che paura che ho».