Tare: «La Lazio ha una squadra per affrontare tutte le competizioni. De Vrij? Non ho ancora trovato il suo successore, ma…»

Tare
© foto www.imagephotoagency.it

Il ds biancoceleste Igli Tare, dopo i sorteggi dei quarti di Europa League, ha rilasciato un’intervista ai media albanesi

«Come mi spiego una prestazione così diversa tra la gara d’andata con la Dinamo e quella di ritorno? La Dinamo di Kiev a Roma ha fatto un ottimo match sotto tutti gli aspetti, ma non avevamo dato il meglio – spiega Tare ai microfoni di Supersport – A Kiev sapevamo che potevamo soltanto vincere, quindi abbiamo fatto una grande prestazione, conquistando una meritata qualificazione. Meglio puntare su una sola competizione? La Lazio ha la squadra per affrontare tutte le competizioni. Dispiace l’eliminazione dalla Coppa Italia, in campionato siamo sulla strada giusta, al momento saremmo in Champions League e 3 delle prossime 4 partite le abbiamo in casa. Per quanto riguarda l’Europa League bisogna avere molta fortuna, speriamo di andare ancora avanti in questa competizione». 

DE VRIJ – «De Vrij è un calciatore che lascerà la squadra, il calcio è così e gli auguriamo il meglio nel club dove andrà a fine stagione. Non ho ancora trovato il suo successore, ma lavoreremo per trovare un nome alla sua altezza e non lo faremo rimpiangere. Quando non cederemo più i nostri big? I giocatori lasciano Real Madrid e Barcellona e non vedo perchè non possano lasciare la Lazio. Le cessioni esistono nel calcio, portano enormi redditi economici e fanno parte del processo di crescita del nostro club. È normale voler vincere nello sport, ma ora dobbiamo pensare solo alla prossima partita contro il Bologna in campionato. In Europa League sarà difficile ma ci sono molti esempi, come il Braga di qualche anno fa, che pur essendo una piccola squadra è arrivato fino in fondo. Perché non fare anche noi una cosa del genere?», ha concluso Tare.

Articolo precedente
Garics: «La Lazio ha più qualità del Salisburgo. VAR? Con i torti subiti è naturale pensare male…»
Prossimo articolo
raggiRaggi: «Sono orgogliosa di Roma e Lazio!»