Tacconi: «Il coronavirus è un’influenza. Giochiamo con il pubblico!»

© foto www.imagephotoagency.it

Tacconi, l’ex portiere della Juventus è una voce fuori dal coro per quanto riguarda il coronavirus: ecco le sue parole

Faranno certamente molto discutere le dichiarazioni rilasciate dall’ex portiere della Juventus Stefano Tacconi in merito al coronavirus. Ecco le sue parole ai microfoni di Radio Sportiva.

«Ora come ora c’è troppa confusione, spero che la Serie A e B con 40 squadre sia più gestibile. Dalla C in giù ci sono troppe società che non possono andare a giro la domenica. Il coronavirus per me è un’influenza. Quando in una conferenza mi diranno che ci sono stati mille morti, mi dicano quali di coronavirus, non si può fare di tutta l’erba un fascio. Io sarei per riprendere a giocare, anche con il pubblico. Ma questo virus andrà via prima o poi? L’influenza dura 2-3 settimane, tenere chiusi un popolo 3 mesi per me è esagerato».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy