Serie A, Sticchi Damiani: «Rischio ripercussioni economiche» E sul Lecce..

© foto @Calcionews24

Intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo, il presidente del Lecce ha spiegato i danni economici attesi da uno stop del campionato

Se il campionato non dovesse riprendere regolarmente, oltre alla questione classifica, si presenterebbe un grave problema economico per tutte le società italiane che porterebbe, in alcuni casi, al fallimento di esse. Per fare il punto sulla situazione è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani:

«Stiamo cercando come ricavare introiti qualora il campionato non dovesse più ricominciare, parliamo di circa 200-300 milioni, un modo potrebbe essere ridurre gli stipendi in relazione ad un determinato periodo. Il sistema calcio rischia un danno esorbitante, quindi bisogna anche poter pensare di giocare ad agosto. Ipotesi play-off e play-out? Ne avevamo parlato ed io ero assolutamente scettico sul tema, ma credo che la proposta sia caduta. Rischio fallimento società? Dipende da che tipo di politica e che tipo di indebitamento hanno le società. Il Lecce non ha nessun debito, ma sicuramente ci sarebbe un impatto grande, senza però alcun debito pregresso».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy

Matteo Pesce