Serie A, ecco come cambierà l’uso del VAR: le novità

© foto www.imagephotoagency.it

Serie A, tutte le novità sui cambiamenti d’uso del VAR e sulle nuove applicazioni in una nota ufficiale della FIGC

Da quando è entrato in uso molte le dichiarazioni di dissenso in merito al suo utilizzo: il VAR è sulla bocca di tutti ogni volta che in un match qualcosa non va. Le tante polemiche intorno a questo strumento hanno portato la FIGC ha delle novità in merito al suo utilizzo: apertura all’utilizzo del challenge (chiamata del VAR da parte di una delle due squadre). Dopo un lungo confronto fra il presidente della Federcalcio Gravina e il designatore Can Rizzoli si è arrivati alla conclusione che gli arbitri dovranno ricorrere maggiormente all’on field review durante le partite. Ecco tutto il comunicato:

«L’Italia è stata uno dei primi Paesi al mondo a sperimentare la tecnologia nel calcio. L’adozione del Var da parte dell’IFAB, infatti, è stata preceduta da un periodo di prova off line nel massimo campionato italiano che ha generato risultati eccezionali, contribuendo in maniera determinante all’implementazione del protocollo definitivo. Animata dallo stesso desiderio di innovare e con il medesimo spirito di servizio dell’epoca, la FIGC si è fatta interprete delle richieste pervenute nelle ultime settimane da numerose Società di Serie A ed ha anticipato informalmente alla FIFA la propria disponibilità a sperimentare l’utilizzo del challenge (la chiamata all’on field review da parte delle squadre), nei tempi e nei modi che l’Ifab eventualmente stabilirà. La Federcalcio è convinta che, continuando il percorso già intrapreso, si possa portare il calcio in una dimensione sempre più vicina ai milioni di appassionati, senza intaccare l’autorevolezza dell’arbitro bensì fornendogli strumenti concreti di ausilio. Il Presidente Gabriele Gravina, inoltre, ha condiviso con il designatore della Can A Nicola Rizzoli l’esigenza, già trasferita ai direttori di gara, di intensificare il ricorso all’on field review nei casi controversi che rientrano nell’ambito del protocollo internazionale. Ciò al fine di non alimentare polemiche strumentali che intacchino l’immagine del nostro campionato, che si appresta ad entrare nella fase cruciale della stagione».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy