Connettiti con noi

News

Sarri Lazio, tutti gli uomini del Comandante: il suo staff

Pubblicato

su

Sarri ha portato con sé alla Lazio tutto il suo staff: ecco chi sono i collaboratori del Comandante: Martusciello e non solo

L’approdo di Maurizio Sarri alla Lazio può esser considerata e definita una vera e propria rivoluzione. Una rivoluzione che riguarda anche lo staff del nuovo tecnico biancoceleste. Uno staff analizzato dalll’edizione odierna de Il Corriere dello Sport.

MARTUSCIELLO – Impossibile non partire da Giovanni Martusciello, il vice allenatore, ischitano classe 1971. Con Sarri si sono conosciuti a Empoli. Martusciello nel 2006 allenava la Primavera, nel 2009 diventò vice di Aglietti, nel 2012 continuò con Sarri, in seguito diventò primo allenatore. Mau non lo portò né al Napoli né al Chelsea, lo ritrovò alla Juve.

PREPARATORI ATLETICI – Nel 2016 a Napoli sono arrivati rinforzi nello staff di Sarri. Davide Losi e Davide Ranzato: i preparatori atletici. I due hanno vinto Europa League e scudetto al Chelsea e alla Juve. Losi, classe 1986 arrivò in azzurro tramite un altro preparatore. In ritiro ha parlato spiegando il suo piano d’atletica: “Nel momento in cui si deve giocare ogni tre giorni diventa impossibile allenarsi. A volte il recupero è più importante dell’allenamento.  Sarri ha bisogno di esercizio tattico costante sul terreno di gioco”. Ranzato, classe 1982, è stato sette stagioni al Vicenza, fin dal 2009. Poi al Napoli dal 2016. Si occupa del lavoro individuale. In ritiro ha raccontato: “Lavoriamo in sinergia, il campo non è scollegato da quello che facciamo in palestra. Davide Losi lavora di più sul campo, io mi occupo più del lavoro individuale e di forza”. Con loro Alessandro Fonte, era nello staff di Inzaghi.

COLLABORATORI TECNICI – Dal vice Martusciello ai collaboratori tecnici Ianni (1982) e Picchioni (1964). Generazioni diverse: il primo fa parte del gruppo “smart”, under 40 tecnologicamente avanzati. Ianni conobbe Sarri nel 2016 a Napoli. L’ha seguito al Chelsea e alla Juve. Ianni è aquilano, ex giocatore di Serie C. A 31 anni è diventato il vice allenatore di Cappellacci al Cosenza, poi al Campobasso. Collaboratore tecnico, uom di campo, anche match analyst con Billy Allavena (da anni in società). È di Ianni la regia del drone che spesso ha solcato i cieli di Auronzo. Alla Juve ha “sostituito” Sarri insieme a Martusciello quando Mau era alle prese con la polmonite. Ianni fece saltare i nervi a Mourinho in un Chelsea-Manchester: esultanza sfrenata e 6 mila sterline di multa. Gianni Picchioni è di San Giovanni Valdarno. Si è incrociato con Sarri sui campi dilettantistici. Esperto di scouting, amico e consigliere di Mau. Analizza video, segue e scopre talenti. È presente anche in campo.

PREPARATORI PORTIERI – Lo storico preparatore Adalberto Grigioni ha rinnovato il contratto scaduto il 30 giugno. Si pensava potesse lasciare, è stato coinvolto da Sarri. Con Mau è arrivato anche Massimo Nenci, ex portiere tra i dilettanti. Sarri lo chiamò a Napoli nel 2015, ha vinto l’Europa League con il Chelsea e lo scudetto con la Juve partendo direttamente dalla Sangiovannese in Serie D. Nenci è classe ’65. Si conosce con Sarri da 40 anni. C’è una curiosità che lega Grigioni e Nenci. Quest’ultimo, quando Grigioni lavorava alla Ternana, partecipò a uno stage guidato dal preparatore dei portieri della Lazio, si sono conosciuti venti anni fa. E dal 7 luglio hanno iniziato a lavorare insieme. Nenci riconosce in Grigioni una guida che dà continuità agli anni precedenti. Grigioni in Nenci l’esperto sarrista, sa cosa chiede Mau ai portieri. Un bel mix.