Connettiti con noi

Hanno Detto

Sarri: «Soddisfatto della crescita. Milinkovic? Lotito mi ha detto che…»

Pubblicato

su

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Verona: queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Hellas Verona. Queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio.

PUBBLICO – «Abbiamo fatto un percorso, cambiato il modo di pensare calcio. Il lavoro dei ragazzi ci ha portato a dar questi segnali di buona crescita. Abbiamo tanti giocatori in scadenza o richiesti dal mercato, c’è il rischio di fare un nuovo anno zero».

MILINKOVIC – «Di questa partita stagione non vi interessa? Abbiamo fatto il 90 poco fa, datemi 2-3 giorni di riposo. Dobbiamo parlare con la società. Non posso parlare con loro, non so come sarà. Lotito mi ha detto che Sergio non è in vendita, sarei contento di ripartire da lui».

TANTI GOL SUBITI – «Non mi fa piacere subire tanti gol, un miglioramento l’abbiamo fatto anche da questo punto di vista nel ritorno. Non è ancora abbastanza, stiamo prendendo gol in partite dove non concediamo tanto come a Torino o a La Spezia».

STAGIONE – «Sono soddisfatto e contento di come si è cementato il gruppo a un certo punto della stagione. Abbiamo risolto gran parte dei problemi che avevamo, qualcuno ci è rimasto ancora. L’importante è non avere passaggi a vuoto».

Sarri a Lazio Style Radio

PARTITA – «Abbiamo avuto una bella reazione, dopo una brutta reazione. La prestazione è stata tutto sommato buona e potevamo anche vincere. Il quinto posto è un traguardo importante, anche perché l’abbiamo voluto e cercato».

PERCORSO – «Le difficoltà sono state tante, soprattutto agli inizi, ma in gran parte le abbiamo risolte. Ho detto oggi ai miei giocatori che sono quelli che mi hanno fatto più incazzare, ma anche amare il mio lavoro»

TIFOSI – «Uno stadio così pieno e caloroso qualcosa ti dà. Il fatto che diventi la normalità dipende solo e soltanto da noi. Mi piace avere un pubblico così caloroso».

FUTURO – «Io non posso dettare le politiche societarie, ma posso offrire idee e soluzioni. Siamo una delle poche società in italiane che non è in mano a un fondo, ma che è una famiglia. E a me comunque questo piace».