Connettiti con noi

Hanno Detto

Sabatini: «Io tifosissimo della Roma, ma sempre riconoscente a Lotito»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Walter Sabatini ha ripercorso alcune tappe della sua carriera, soffermandosi sull’esperienza nella Capitale

Walter Sabatini – ospite ai microfoni di Radio Radio – si è raccontato a cuore aperto, soffermandosi sull’esperienza nella Capitale, sulle sponde di Lazio e Roma. Ecco un estratto delle sue dichiarazioni:

«È poco elegante per me parlare della Roma, ma a mio avviso manca il collagene, gioca brandelli di partita alla grande e brandelli no. La società deve avere un rapporto primario. Non so quant’è la forza di Pinto nello spogliatoio né nei confronti di Mourinho. Io sono tifosissimo della Roma, è stata la mia vita. È ridicolo mettere in discussione questo mio attaccamento. Vincere a Roma complicato? Nei miei anni perché c’era la Juve che faceva 102 punti… L’ambiente è difficile, ma l’ambiente siamo tutti noi. È una piazza turbolenta e polemica però non si perdono le partite per queste, conta sempre la taratura della squadra.

Ringrazierò sempre Lotito, gli porterò sempre la mia riconoscenza, mi ha dato una possibilità quando venivo da una squalifica e non posso dimenticarlo. Lui il miglior presidente della Lazio, va contestualizzato, la società era quasi in tribunale: con il suo coraggio ha portato la società in una dimensione europea, anche per il mio contributo in quegli anni, arrivati ai preliminari di Champions».