AURONZO DAY 2 – Rossi: «Bello essere qui, questo gruppo mi fa sentire a casa»

calciomercato lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Il classe 97′ Alessandro Rossi, aggregato alla prima squadra ad Auronzo, è pronto per questa avventura

Dopo la grande stagione trascorsa con la primavera, Alessandro Rossi si è aggregato al ritiro con la prima squadra ad Auronzo di Cadore. Per l’attaccante, miglior marcatore della passata stagione nel campionato primavera, sarà una prova importante quella in Veneto. Il classe 97′, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, ha parlato di come sta attraversando il ritiro: «Curioso che Bastos oggi abbia bucato un pallone, è molto duro e fisico, non tira mai indietro il piede. Giocare contro difensori così forti è difficile ma allo stesso tempo gratificante, quasi non senti la fatica. Molto bello essere qui, questa mattina la corsa intorno al lago è stata dura ma dal ritiro parte la stagione e se facciamo bene qui possiamo fare bene in campionato. Il contatto con la gente è bello, ci aiuta solo a dare di più. Alla mia famiglia ho detto che mi sto divertendo molto, sono tranquillo e sereno, avere un compagno come Lombardi mi aiuta. Sono andata al Lago, l’acqua è gelata, è stata suggestivo ma ho resistito solo 10 minuti, Murgia ci sta più di mezz’ora! In questi giorno sono stato bene, con il gruppo si è crea empatia, siamo il giusto mix di giovani e giocatori esperti. Spero di avere la possibilità di dimostrare che posso esserci, spero di rimanere qui, sono pronto a tutto. Essere l’unico attaccante di peso in ritiro mi rende orgoglioso, non sento pressioni, sono pronto, se capiterà l’occasione la sfrutterò al massimo. Essere qui con la Lazio è la realizzazione di un sogno, questo mi fa stare bene, sono tranquillo e felice. Gli allenamenti sono già abbastanza duri, poi i carichi di lavoro aumenteranno, ci prepariamo bene alla stagione. Spero di farmi trovare pronto, devo crescere tanto e stare qui ti rende consapevole di avere alcune lacune ma sono qui per migliorare. Quali sono? Devo pensare un secondo prima che arrivi la palla, mi manca la fisicità, il fiato e i movimenti. Questo è un gruppo che mi fa sentire a casa»