Rizzoli: «Il VAR? L’obiettivo è utilizzarlo il meno possibile»

rizzoli arbitro
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex arbitro ed attuale designatore Nicola Rizzoli, parla a Radio Deejay del VAR e del suo utilizzo

Nicola Rizzoli – ex arbitro di calcio ed attuale designatore – ha parlato sulle frequenze di Radio Deejay durante la parentesi sportiva ‘Deejay Football Club’: «Gli arbitri non possono rilasciare interviste, da regolamento, fino a quando non si è espresso il Giudice Sportivo. Il giudizio che viene dato ad un arbitro è molto complesso, ma non viene abbassato se consulta il VAR».

Sulla sola chiamata del VAR per squadra:
«Non ha senso, perchè ogni situazione viene visionata ogni volta come minimo con il silent check. Le simulazioni sono da combattere, non con i regolamenti, ma con la cultura. Lobiettivo è intervenire il meno possibile».

Com’è il rapporto VAR-arbitro?
«Non ho incontrato resistenze, stiamo lavorando per fare un cambiamento importante. È una questione di mentalità e di lavoro di squadra. Il rapporto fra arbitro e VAR deve avere la stessa filosofia di approccio, è una squadra che cambia e che adesso ha un supporto tecnologico. Se migliora il prodotto è una cosa positiva».