Radu: «Sarà un ritiro più intenso, ci manca Lulic. Vogliamo fare meglio dell’anno scorso»

radu
© foto www.imagephotoagency.it

Stefan Radu è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel al termine della prima seduta stagionale ad Auronzo di Cadore.

È un veterano di Auronzo di Cadore, nessuno può vantare una militanza cosi lunga all’interno della rosa biancoceleste. Stefan Radu è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare il primo allenamento del ritiro biancoceleste, andato in scena questa mattina:

«Abbiamo dimenticato la passata stagione, è inutile parlare di quello che è successo. Questa mattina ho fatto una videochiamata con Senad Lulic, ci manca la sua personalità e lo aspettiamo al più presto possibile.

Ci aspetta una stagione molto particolare, il ritiro sarà più breve e di conseguenza più intenso. Le partite di Champions League sono molto più impegnative rispetto a qualsiasi altra gara ufficiale. Il popolo laziale, dopo l’ultima annata sportiva, si aspetta dei risultati sempre migliori.

Vogliamo migliorare rispetto a quanto svolto nell’ultima annata sportiva, vogliamo raggiungere qualcosa in più. Per noi il ritiro è fondamentale, qui si mette la benzina nelle gambe: quando abbiamo sentito che era in dubbio la partenza, ci siamo sentiti spiazzati. Qui si lavora bene e nella passata stagione la difesa è stata all’altezza per tre quarti di stagione. Speriamo di dare inizio ad un’altra annata sportiva positiva.

In questo momento sto ragionando partita dopo partita, se taglierò il record di presenze sarò l’uomo più felice del mondo. Ci dispiace non poter stare vicini ai nostri tifosi come accaduto nelle passate stagioni, ma il momento non ce lo permette. Speriamo di poter riabbracciare presto allo Stadio Olimpico i nostri tifosi. Ci aspettano solo dieci giorni di ritiro e siamo partiti subito molto forte, abbiamo lavorato sulla forza e sul possesso palla. I nostri tifosi ci sono mancati tantissimo dopo il lockdown: è la componente che è mancata alla squadra perché abbiamo lottato per lo Scudetto grazie a loro. Anche quando abbiamo giocato in trasferta, ci siamo sempre sentiti a casa.

Nella passata stagione abbiamo lavorato sulla nostra fase difensiva già a partire dal ritiro di Auronzo di Cadore ed i miglioramenti si sono visti sul campo».