Connettiti con noi

News

Può un Barcellona senza Messi raggiungere il Real Madrid in questa stagione?

Pubblicato

su

Non si sono ancora spenti gli echi della debacle in Champions League del PSG di Lionel Messi, che ci si domanda se un Barcellona senza il suo campione possa raggiungere il Real Madrid in questa stagione. La squadra catalana al momento si trova al terzo posto nella classifica de LaLiga Santander, a -13 punti dall’attuale capolista Real Madrid, ma con una partita in meno.

Il prossimo incontro di campionato in calendario è proprio la sfida di ritorno tra Real Madrid e Barcellona, che nel girone di andata si è conclusa a favore dei “blancos” per 2-1. “El primer clasico” senza Messi si è svolto al Camp Nou, con i tifosi blaugrana che riponevano le loro speranze di vittoria nella squadra allenata da Ronald Koeman. Dopo quel confronto il FC Barcellona in campionato non ha saputo ottenere buoni risultati nei successivi tre appuntamenti, come purtroppo è avvenuto anche in Champions League.

Quando gioca Real Madrid vs Barcellona?

Data dell’evento Locale Visitatore Stadio
03/20/2022 14:00:00 Real Madrid Barcellona Santiago Bernabeu

Le dimissioni di Koeman e le speranze nel nuovo mister

Le scarse prestazioni e l’insoddisfazione che si sono create i primi mesi all’interno e all’esterno della squadra, hanno messo in evidenza quanto al Barcellona mancasse ancora un giocatore come Lionel Messi. Cosciente di questa situazione e deluso dal mancato appoggio da parte della società, soprattutto per la mancanza di un centrale di rilievo che potesse sostituire l’infortunato Gerard Piqué, il 5 Novembre Ronald Koeman ha deciso di dare le dimissioni. Solo tre giorni dopo, l’8/11/21 il FC Barcelona si è accordato con Xavi Hernández per farlo diventare l’allenatore ufficiale per concludere questa stagione e accompagnare la squadra fino al 2024.

Il ritorno di una leggenda, con ben 767 match disputati e 25 titoli conquistati con la maglia blaugrana. Si tratta del secondo giocatore della storia del club con il maggior numero di partite ufficiali giocate, il primo è Leo Messi (778), con un palmares di 8 campionati, 4 Champions League, 3 Coppe del Re, 2 Mondiali per club, 2 Supercoppe europee e 6 Supercoppe spagnole. Un mito se ne va e una leggenda torna a casa! La scelta di portare Xavi Hernández a dirigere il FC Barcellona ha sicuramente scaturito due effetti: ravvivare una tifoseria delusa e fargli dimenticare per un po’ Leo Messi. 

I brucianti risultati della Champion League 

Con una Champions League ormai compromessa, nonostante le buone intenzioni e le quotazioni a favore dei siti di betting online come quelli delle scommesse sportive Codere, il Barcellona non ha superato la fase a gironi della competizione europea per club più importante. Era dal 2004 che la squadra catalana non giocava nell’Europa League, che allora si chiamava ancora Coppa UEFA.

L’eterno avversario Real Madrid di Carlo Ancelotti, invece, ha dimostrato quanto potenziale può esprimere nella Champions League. Soprattutto dopo la “remontada” del Santiago Bernabéu che gli ha permesso di superare il ben più quotato Paris Saint-Germain di Kylian Mbappé, Neymar e proprio Lionel Messi… e in attesa di conoscere il suo avversario per i quarti di finale. Senza possibilità di confronto nella Champions, quindi, l’unica competizione in cui il Barcellona senza Messi può pensare di raggiungere il Real Madrid è LaLiga Santander.

Il Barcellona FC può quindi superare il Real Madrid in campionato?

Fatto salvo il sorpasso alla nona giornata di campionato da parte dell’Osasuna, da noi conosciuta per la militanza di Joni, il Real Madrid è sempre stato in vetta al campionato. A differenza, invece, il Barcellona non è partito con il piede giusto e alla fine di novembre, alla dodicesima giornata, si trovava addirittura al 16 posto in classifica. Ci sono voluti circa una trentina di giorni a Xavi Hernández per riportare tranquillità e sicurezza alla squadra e iniziare una scalata alla classifica che ha portato il Barcellona a occupare il 4 posto alla fine del girone di andata a -10 dalla capolista Real Madrid.

Il ritorno di una leggenda come Xavi ha così permesso di esorcizzare il peso dell’assenza del mito Messi, infondendo ai suoi giocatori i principi e la grinta che sempre l’hanno contraddistinto come giocatore del Barcellona. Con queste premesse il tecnico blaugrana ha già raggiunto il primo obiettivo, ovvero portare la squadra tra i primi quattro posti. In relazione alla possibilità di raggiungere il Real Madrid si dichiara ottimista, pur cosciente della differenza di 15 punti con una partita in meno e “el clasico” da giocare nella prossima giornata di campionato.

Tuttavia, il vantaggio che il Real Madrid ha sui catalani non lascia molte speranze, in quanto anche perdendo il prossimo scontro diretto rimarrebbe sempre con 9 punti in più. A questo va aggiunto il buon ritmo che la squadra di Carlo Ancelotti ha avuto fin dall’inizio di stagione. Nonostante ancora ci siano possibilità matematiche affinché un Barcellona senza Messi possa raggiungere il Real Madrid, Xavi Hernández avrà bisogno dell’aiuto di altre squadre per tenere viva la speranza di vincere il campionato.