Primavera, vittoria in rimonta della Lazio contro l’Inter

primavera lazio
© foto @Twitter

Il racconto del match della 27esima giornata del campionato Primavera 1 Tim tra Inter e Lazio, terminata con il punteggio di 3-1 a favore dei biancocelesti

A vedere una Lazio così aumenta il rimpianto per la stagione che si sta avviando alla conclusione. Prestazione migliore dell’anno per i giovani aquilotti che ottengono una buona vittoria sul campo dell’Inter. La Lazio non vinceva una partita da cinque mesi e questo è uno dei risultati più clamorosi della giornata. L’Inter perde l’occasione di agganciare l’Atalanta in testa alla classifica. Una vittoria meritata, di carattere, quella dei biancocelesti che hanno, per il momento, scongiurato la matematica retrocessione.

PRIMO TEMPO – Solita formazione rimaneggiata per Bonacina alle prese con tantissimi indisponibili. In porta c’è Alia; in difesa Kalaj e Baxevanos si muovono ai lati di Jorge Silva. A centrocampo Spizzichino e Falbo sulle fasce con Aliaj, Bruno Jordao e Marchesi al centro. Davanti l’inedita coppia formata da Pedro Neto ed Al Hassan. Partenza distratta per la Lazio che in avvio si complica la vita con due interventi complicati di Jordao prima e Aliaj dopo. Per fortuna l’Inter non sfrutta le due occasioni. I neroazzurri al secondo minuto hanno un’altra occasione per colpire con Colidio, servito involontariamente da Falbo, ma la girata dell’argentino termina alta. Dopo un avvio interamente in cui si erano visti solo i padroni di casa, la Lazio si fa vedere per la prima volta in zona offensiva al quarto d’ora con un destro di Marchesi che termina sopra la traversa. L’Inter torna a rendersi pericolosa due giri di lancette più tardi con Zaniolo che colpisce in pieno il portiere Alia. Il dominio nerazzurro è alimentato da un’altra giocata di Zaniolo, questa volta a cercare Rover. Il numero 7 conclude con il sinistro da buona posizione, ma il suo tiro termina alto. Alla mezz’ora l’Inter legittima l’assedio con una traversa ancora di Rover, imbeccato da un tocco di Colidio a centro area. Al 32′ i neroazzurri sbloccano meritatamente la gara: lancio di Colidio per Rover che elude l’intervento di un ingenuo Jorge Silva e fa centro a tu per tu con Alia. Due giri di lancette e arriva il pareggio laziale al primo affondo: azione caparbia di Spizzichino sulla destra che esce in mezzo a due difensori interisti e crossa al centro per Marchesi, puntuale all’impatto col pallone. L’inerzia della partita cambia incredibilmente nei minuti finali della prima frazione con la Lazio più propositiva e pungente; prima ci prova Jordao, poi Neto, ma si va al riposo sul risultato di parità.

SECONDO TEMPO – Inizio ripresa che comincia con gli stessi ventidue in campo. L’Inter è sempre propositiva e prova subito a trovare la rete del vantaggio prima da calcio d’angolo e poco dopo su uno schema su calcio di punizione. Al 52′ si rivede la Lazio in zona offensiva con Al Hassan che entra in area e poi calcia in porta con Pissardo che blocca in due tempi. Vecchi vuole a tutti i costi portare a casa il risultato e al cinquantaseiesimo effettua il primo cambio con l’inserimento di un attaccante, Belkheir, al posto di un centrocampista, Danso. Al 60′ Schirò ci prova con un tiro insidioso ma Alia smanaccia con i pugni. Al 65′ nuova chance per l’Inter con Belkheir, che non trova la coordinazione giusta: il pallone termina sul fondo. Al 66′ girandola di cambi per entrambe le squadre con Bonacina che preferisce togliere Al Hassan ed inserire un calciatore con caratteristiche diverse come Maloku. Stefano Vecchi invece prova il tutto per tutto con l’ingresso in campo di un altro attaccante, Merola al posti di Gavioli, e conseguente passaggio al 4-2-4. Inizia una fase frenetica del match con le due squadre che provano in tutti i modi a sbloccare la partita. La rete arriva al ’71 con una ripartenza in contropiede della Lazio con Marchese che la passa a Neto, numero del portoghese in mezzo al campo, che la scarica a Jordao che a sua volta è bravo a servire Aliaj che trova un gol pazzesco: sinistro potente e preciso che bacia la traversa e s’insacca alle spalle di Pissardo. Al 76′ nuovo cambio per l’Inter: fuori un difensore, Nolan, e dentro Adorante. Sei giocatori offensivi per la squadra di Vecchi. Lazio che gestisce bene la partita e trova anche il gol del 3-1 al 78′ con Pedro Neto. Controllo con il mancino del portoghese che poi fulmina il portiere avversario con una conclusione potente sul primo palo. All’80’ nuova chance per i biancocelesti con Moloku che addomestica la sfera, si accentra e tenta il destro a giro: palla che sfiora il palo e va sul fondo. Nel finale tanto nervosismo in campo, nei cinque minuti di recupero, dopo un battibecco arriva l’espulsione per Rover e Marchesi. Partita che termina al 95′, con la Lazio che torna alla vittoria dopo tanto tempo.

A cura di Luca Palmieri e Francesco Saverio Petito.

Articolo precedente
Spalletti: «La gara con la Lazio all’ultima giornata non è un peso…»
Prossimo articolo
KeitaKeita chiarisce: «Via dalla Lazio? Vorrei precisare una cosa…»