Presentazione de «Lo Scudetto Spezzato», avv. Mignogna: «Chiedo il supporto delle autorità per far valere i diritti della Lazio»

© foto www.imagephotoagency.it

Una data speciale per un’opera speciale. Ieri, giorno del 117° anniversario del S.S. Lazio, nella Sala del Carroccio in Campdigolio è stato presentato il saggio «Lo Scudetto Spezzato». L’opera «rende giustizia a una vicenda discussa per cento anni ed è un libro di calcio vero», ricco di oggettive testimonianze storiche sulle due regine del campionato italiano 1914/15, Genoa e Lazio. Il portale Laziostory.it riporta le dichiarazioni dell’Avv. Gian Luca Mignogna, coautore del testo scritto da Emiliano Foglia, pronunciate durante la conferenza: «Lo Scudetto Spezzato rimarca gli “elementi nuovi” recentemente emersi in una storia lunga cent’anni, in cui le ricerche sin da subito ci hanno riservato molte sorprese. Grazie al lavoro di ricerca svolto con l’importante ausilio e le preziosissime collaborazioni di Federico Felci, dell’avvocato Pasquale Trane e del Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento, sono emersi veri e propri fatti nuovi, documenti inediti finora negati o peggio ancora celati dagli almanacchi. I più importanti di tutti sono quelli attestanti la vittoria della Lazio nel Campionato dell’Italia Centrale, che la legittima quale unica squadra del 1914/15 ad aver conquistato la propria fase finale. Nel libro c’è molto di più, ma già questo basterebbe per dimostrare come i meriti ed i diritti della Lazio finora siano stati oltremodo calpestati: “Lo Scudetto Spezzato” è la raccolta più completa, oggettiva ed attendibile di quel che accadde tra il maggio 1915 ed il dicembre 1921, data della supposta assegnazione del titolo al Genoa, un volume che di fatto smentisce la storiografia da sempre tramandataci, che invero non ha fatto altro che oltraggiare la storia della prima squadra della Capitale».

Vista la presenza dell’assessore allo sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, l’avvocato Mignogna ha anche sollecitato la sensibilità delle istituzioni in questa battaglia per la storia della Lazio: «Chiedo alle Autorità Capitoline il massimo sostegno per far sì che venga cancellata un’ingiustizia che ha afflitto per oltre un secolo un vero, inestimabile patrimonio della città di Roma, un club come la Lazio che proprio oggi compie 117 anni. Il supporto delle Autorità Comunali potrebbe essere fondamentale per riuscire a far valere i diritti biancazzurri ora che siamo entrati nella fase cruciale del procedimento di riesame».

Il sogno de Lo Scudetto Spezzato riparte dal Campidoglio: con Amatrice e il Museo del Football nel cuore (il ricavato sarà destinato alle due cause), nuovi motivi per cui combattere oltre a quella per un titolo da riportare sulle maglie biancazzurre dopo 101 anni.

Articolo precedente
Cercasi attaccante: ecco tutte le piste percorribili, ma prima bisogna cedere Djordjevic. E de Vrij…
Prossimo articolo
marchettiMilan, salta l’affare Storari: Marchetti nuovo obiettivo