Prandelli, si attende solo l’ufficialità

© foto www.imagephotoagency.it

AGGIORNAMENTO ORE 14.15 – Adesso l’ufficialità è davvero ad un passo. Anche negli studi di Sky Sport confermano la notizia, Cesare Prandelli sarà il nuovo allenatore della Lazio. La società biancoceleste e l’ex ct della Nazionale stanno discutendo su alcuni dettagli, ma non ci dovrebbero più essere nuovi colpi di scena. Il presidente Lotito è deciso a dare vita ad un nuovo progetto, guidata da un tecnico esperto e in grado di poter gestire un ambienti difficile come quello romano. La società capitolina sborserà 2 milioni di euro fino al giugno 2017, una nuova avventura è pronta ad iniziare.

 

Cesare Prandelli aspetta la Lazio. La dirigenza biancoceleste ha già raggiunto un accordo di massima con l’ex Ct dalla Nazionale, ma ha chiesto del tempo. Prandelli resta in pole position per la panchina biancoceleste, ma nelle ultime ore Lotito ha contattato Ventura per cercarlo di strappare all’Italia e il ds Tare spera sempre in un ripensamento di Jorge Sampaoli. Dopo giorni di silenzio è tornato a parlare proprio Prandelli, che ha preferito non sbilanciarsi sul suo futuro: “Nelle ultime settimane il mio nome è stato accostato più volte all’Atalanta. Posso solo dire che è sempre un grande onore essere affiancato a questa grande società. Ma non c’è mai stato un contatto, e ciò è stato confermato dalla stessa società bergamasca – ha dichiarato Prandelli ai microfoni di SpazioInter.it, in occasione della presentazione del decimo memorial “Tonino Cossetti” – Per quanto riguarda l’altra (Lazio ndr), invece, non dico nulla per rispetto di Presidente e società che stanno facendo le dovute valutazioni…”. Prandelli parla anche di Balotelli, accostato alla Lazio nelle ultime ore: “Lui non è difficile da gestire, perché non è un cattivo ragazzo, né un calciatore ingestibile. Io ho sempre sostenuto il suo grande potenziale tecnico. Evidentemente il calcio non è mai stato prioritario per lui e quindi sono venuti meno gli stimoli…”.