Connettiti con noi

Hanno Detto

Platini durissimo: «Uefa e Fifa si occupino dei dilettanti. Su Ceferin…»

Pubblicato

su

L’ex presidente della Uefa Platini si è raccontato senza freni a La Gazzetta dello Sport

Michel Platini, storico ex calciatore della Juventus ed ex presidente della Uefa, ha parlato senza freni in una intervista a La Gazzetta dello Sport; dal calcio italiano alle questioni riguardanti le organizzazioni internazionali

EUROPA – «Serve un Lega composta soltanto da presidente. Uefa e Fifa si occupino di Nazionali, di dilettanti. Ho detto Lega, non Superlega: una struttura amministrativa. Non sono d’accordo con un campionato chiuso, per pochi, che in Europa non si può fare». 

ITALIA SENZA MONDIALE – «Possibile. Il calcio è globalizzato e oggi uno svizzero gioca nel Liverpool ed è più bravo di un italiano. Anche la Francia ha perso ai rigori con la Svizzera all’Europeo, quindi perché non può succedere a voi? Il Portogallo è forte». 

EUROPEO – «Italia bellissima, preparata, veloce, divertente. Grande difesa, un grandissimo Donnarumma, due super centrocampisti quali Jorginho e Verratti. In attacco non tanta qualità ma Chiesa». 

MONDIALE QATAR – «Non mi pento del voto, volevo dare un Mondiale agli arabi, una Coppa del Golfo. Se lo meritavano.  Solo che l’emiro mi aveva promesso partita anche negli altri stati, Emirati, Dubai, Kuwait. Peccato». 

LAVORO – «Mi hanno chiesto di tornare, club, organizzazioni, ma non ho trovato nessun ruolo. Forse mi piacerebbe impegnarmi per i giocatori, affinché prendano il potere nel calcio. Ci penserei su. Niente politica. Non rispetto Infantino e Ceferin, ma lo dico con leggerezza: facciano quello che vogliono, io sono fuori. Invece non perdonerò mai chi mi ha accusato falsamente e fatto uscire dal calcio. Hanno vinto ma io cercherò sempre giustizia». 

Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.