Paparelli non ci sta: «Leggere scritte orribili su mio padre nuovamente mi fa stare male»
Connettiti con noi

News

Paparelli non ci sta: «Leggere scritte orribili su mio padre nuovamente mi fa stare male»

Pubblicato

su

Paparelli, il figlio del compianto tifoso biancoceleste ricorda il padre e sbotta per le scritte orribili sui muri che ha trovato

Intervenuto ai microfoni di Tag24, Gabriele Paparelli ha ricordato il papà Vincenzo scomparso 44 anni fa, soffermandosi sulle solite scritte vandaliche rivolte al padre. Le sue parole

PAROLE – Mi ero alzato dal letto questa mattina con la solita tristezza nel cuore, come ogni anno. Questa ricorrenza mi lascia sempre scosso durante l’arco della giornata, ma viene compensata con l’affetto e le iniziative delle persone care. I messaggi sui social mi fanno capire che nessuno ha dimenticato mio padre. Ricevo un amore che, dopo tutti questi anni, faccio ancora fatica a capire come sia possibile. Leggere le solite scritte sul solito muro del Verano mi rovina la giornata per l’ennesimo anno. Questa mattina era molto sereno, mi sentivo bene e ho parlato con diversi esponenti del mondo Lazio che si fanno sempre sentire. Purtroppo la mamma dell’imbecille è sempre incinta

SCRITTE CONTRO IL PADRE – Non è più ammissibile leggere certi insulti dopo 44 anni. E’ arrivato il momento che vengano presi dei provvedimenti seri con la società Roma e le autorità, che si devono schierare in prima fila per debellare questo fenomeno. Se una scritta del genere mostrata allo stadio porta al Daspo per il tifoso che la espone, allora mi domando perché non vale lo stesso principio anche fuori. Chi compie certi gesti deve essere punito, perché sputa solo cattiverie nei confronti di un ragazzo di appena trentatré anni che aveva la sola colpa di amare la Lazio, voleva solo seguire la squadra del suo cuore dedicandole due ore del suo tempo allo stadio

INSULTI RICEVUTI DOPO 44 ANNI – Non so davvero come facciano ad insistere in questo modo nell’insultare un povero padre di famiglia, quando si mettono davanti uno specchio non so cosa vedono. Dopo quarantaquattro anni penso che si possa anche smettere con queste cose. Io mi meraviglio dell’enorme affetto che ricevo, figuriamoci quanto mi stupisco degli insulti e quanto mi facciano stare male. E’ una cosa che non accetto. Ora mi attivo subito per farla rimuovere

Copyright 2024 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.