Nicola: «Dietro questo risultato c’è tanto lavoro, ci ho creduto dal primo momento»

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo aver conquistato la permanenza in serie A, mister Nicola ha commentato in questo modo la vittoria ottenuta contro la Lazio

Il Crotone – dopo aver trionfato per 3 a 1 contro la Lazio – conquista la permanenza in Serie A e conclude l’incredibile serie di risultati positivi del girone di ritorno. Queste le parole dell’allenatore della squadra rossoblù Nicola ai microfoni di Rai Sport:«A me piace sempre essere obiettivo. E’ vero che ci credevo dal primo momento. Dietro questo risultato c’è un grandissimo lavoro. Non riesco a trovare neanche le parole per descrivere ciò che provo. Solo tantissima gratitudine. Ho avuto l’impressione quando abbiamo cambiato modo di stare in campo che potessimo essere competitivi. Siamo riusciti molte volte a stare vicini ad imprese. Adesso ho solo voglia di darmi delle pacche sulle spalle con i miei giocatori per farci i complimenti sul lavoro svolto, poi si penserà al futuro. La crescita è di tutti, anche dell’ambiente: prima si pensava che la serie A fosse più semplice. Per arrivare a grandi obiettivi bisogna lavorare tanto».

MEDIASET – Nicola ha parlato anche a Mediaset Premium: «Ci credevano in pochi? Io mi auguro che ci credessero in tanti: io ci credevo sempre e sono molto gratificato. Ero convinto che con il lavoro per costruire il gruppo potessimo raggiungere ciò che abbiamo fatto. Tutto si è intersecato nel migliore dei modi. Io l’ho detto sin dall’inizio: potevano venire pensieri negativi, sul salvarsi o retrocedere prima, e sul perché eravamo arrivati a giocarci tutto all’ultima. La realtà è che aver raggiunto questo obiettivo è una grande gratificazione. Ora arrivare a Torino in bici sarà la cosa più facile, per me non sarà un problema e lo farò con grande piacere. Io ho immaginato fin dall’inizio una serata come questa. Gratitudine, non so verso cosa o chi, è la parola che mi descrive meglio. Dietro a questo c’è un grande lavoro e non voglio sentire parlare di favola. Lo sport è questo: chi perde non lo fa a vita. La ruota gira e può capitare a tutti. So cosa vuol dire perdere e so cosa significa avvertire la delusione: può succedere a tutti ed è una regola del calcio che va accettata. Non ho mai dato alibi a nessuno, e questa cosa ha pagato. La coerenza dà valenza ai progetti. Trovare colpevoli è più facile: difficile è rimboccarsi le maniche come abbiamo fatto noi. Gli obiettivi si raggiungono con costanza e spirito di sacrificio. Ora festeggio con il mio ambiente, per il futuro vedremo».