Connettiti con noi

Hanno Detto

Murgia: «Inzaghi è un martello ma non lascia indietro nessuno. Per lui…»

Pubblicato

su

Alessio Murgia ha parlato a Sportweek del rapporto con Simone Inzaghi ai tempi della Lazio. Le parole del centrocampista

Alessio Murgia, centrocampista del Perugia, ha parlato del suo ex allenatore Simone Inzaghi in un’intervista a Sportweek.

INZAGHI – «Se mi ha ringraziato per il gol in Supercoppa? Sono io che ho ringraziato lui per tutto quello che mi ha dato. Ci siamo incrociati la prima volta negli Allievi della Lazio, quando avevo 14 anni. Mi ha cresciuto, e io l’ho visto crescere tanto. Insieme ai suoi collaboratori, un valore aggiunto, studiava partite e avversari per ore. È uno che si cala nella vita di ogni giocatore, dentro e fuori dal campo. Non lascia indietro nessuno, rende partecipi tutti. Perciò, chiunque entri in campo, tira fuori il meglio di sé: io con lui giocavo ogni partita come fosse l’ultima. Mi martellava, ma a fin di bene. Mi faceva sentire alla pari di un titolarissimo come Lucas Leiva. La voce? Gli andava via alla domenica, tornava il mercoledì, la perdeva di nuovo alla domenica. Succedeva sempre, pure nelle giovanili. Ma sono sicuro che il mister ci rinuncerebbe ogni volta in cambio di una vittoria».