Connettiti con noi

News

Milan-Lazio, Galderisi: «Immobile bravo a superare le critiche. La squadra…»

Pubblicato

su

Giuseppe Galderisi, doppio ex di Milan-Lazio, si è espresso sulla sfida in programma questa sera a San Siro

A qualche ora dal big match tra Milan e Lazio, in programma questa sera all’Olimpico, Giuseppe Galderisi, doppio ex della gara, è intervenuto ai microfoni di DerbyDerbyDerby: «Pioli è un ottimo tecnico che sta cercando di trovare il giusto equilibrio in questo Milan, la vittoria con la Spal, in tal senso, è risultata fondamentale. Con il Lecce già si era visto qualcosa mentre con la Roma, in questa situazione di difficoltà e visto il poco tempo a disposizione, era normale incontrare delle avversità, pertanto i tre punti di giovedì sono un ottimo viatico per la sfida con la Lazio».

LAZIO – «La Lazio è una squadra che in questi anni ha offerto un ottimo gioco, possiede uno dei migliori centrocampi della Serie A, sia per qualità che per quantità, inoltre in attacco può contare su tre calciatori eccezionali in grado di capitalizzare il calcio orchestrato alla perfezione da Simone Inzaghi. Sinceramente non so cosa manca a questa squadra per fare il definitivo salto di qualità».

IMMOBILE E PIATEK – «Ci sono delle stagioni dove va tutto per il verso giusto, ciò sta accadendo per Immobile, per il centravanti biancoceleste la porta è diventata più grande… . Questo attaccante è stato bravo a superare le critiche che ha dovuto sopportare soprattutto quando non trovava il gol in nazionale. Piatek ha qualità importanti, ma come tutto il Milan ha bisogno di liberarsi mentalmente, sono convinto che il polacco risulterà decisivo per le sorti della compagine rossonera. Mi piace menzionare anche Leao, nonostante non sia la classica punta d’area, il quale possiede delle doti importanti».

VAR – «Ci sono tanti aspetti da chiarire nell’applicazione del Var ma sinceramente bisogna dare fiducia alle sensazioni che prova l’arbitro sul terreno di gioco, che però deve essere coadiuvato dalla strumentazione tecnologica nel modo migliore possibile. E’ vero, gli ex calciatori conoscono meglio di tutti le dinamiche di campo ma la loro presenza al Var potrebbe creare ulteriori equivoci».