UFFICIALE – Milan, il TAS riammette i rossoneri in Europa League

milan
© foto www.imagephotoagency.it

Milan, ribaltata la sentenza della UEFA: la squadra di Rino Gattuso parteciperà alla prossima edizione dell’Europa League

Si riaprono le porte dell’Europa League per il Milan. Secondo Sky Sport, ci sarebbe l’ok del TAS che ha accettato il ricorso della società rossonera. Dunque per la prossima stagione la squadra di Rino Gattuso parteciperà alla seconda competizione più importante d’Europa insieme a Lazio e Atalanta, con quest’ultima che dovrà prima superare i preliminari. Lo scorso 27 giugno, l’Adjudicatory Chamber dell’Uefa aveva decretato l’esclusione del Milan dalle coppe (QUI la notizia) e invece il repentino cambio di proprietà, da Yonghong Li al fondo Elliot, ha facilitato la riammissione del club rossonero alla prossima edizione 2018-19 dell’Europa League. Decisiva l’incontro di ieri a Losanna, con la presenza di numerosi dirigenti tra cui il manager di Elliot, Franck Tuil, che ha garantito la continuità aziendale del club per i prossimi anni. Ribaltata la sentenza, per la gioia dei tifosi rossoneri: si attende solo il comunicato ufficiale.

COMUNICATO DEL TAS –Il Collegio del TAS ha rigettato la richiesta del Milan di ordinare all’UEFA la conclusione un accordo transattivo, ma ha stabilito che la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB di escludere il Milan dalle competizioni per club da essa organizzate non è proporzionata. Il Collegio ha ritenuto che alcuni elementi rilevanti non fossero stati adeguatamente considerati dall’Adjudicatory Chamber, o che gli stessi non potessero essere adeguatamente considerati al momento dell’emanazione della decisione appellata (il 19 giugno 2018), tra cui, in particolare, l’attuale situazione finanziaria del club, significativamente migliorata in seguito al recente cambio di proprietà dello stesso. Il Collegio ha deciso di rinviare il caso all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB in considerazione della relativa richiesta da parte del club e del fatto che l’Adjudicatory Chamber si trova in una posizione migliore, rispetto al Collegio del TAS, per irrogare una sanzione disciplinare proporzionata sulla base dell’attuale situazione finanziaria del club. Il Collegio ha emanato la decisione senza le motivazioni, che verranno rese in data successiva”. Questo una parte del comunicato ufficiale del Tas che ha riammesso il Milan in Europa League.