Connettiti con noi

News

Milan e Inter rispondono alla Juve, Roma e Napoli perdono il ritmo e forse il treno scudetto

Pubblicato

su

Mini fuga delle prime tre in classifica, mentre Roma e Napoli si fermano contro Atalanta e Lazio. 

 

Il trio di testa allunga sulle inseguitrici, le milanesi ristabiliscono le gerarchie nel botta e risposta con la Juventus. Il segnale più atteso e meno scontato è quella del Milan, che nonostante le assenze pesanti sbanca il Mapei, con un super Hernandez e il gol più veloce della serie A di Leao. Che incassa anche i complimenti social del detentore del record precedente, Poggi. Anche l’Inter non molla, infilando la sesta vittoria consecutiva, e tornando a distanza di sicurezza (+3) dalla Juve. Dietro le prime tre invece succede praticamente di tutto, Roma e Napoli cadono nelle trappole di Atalanta e Lazio, con prestazioni in picchiata. La Roma dura un tempo, va addirittura in vantaggio poi crolla sotto i colpi di un’Atalanta straripante, senza il Papu ma con un Ilicic ritrovato. Emblematico il suo abbraccio a fine gara con Gasperini, mentre dall’altra parte Fonseca è una furia e mette i giocatori di fronte alle loro responsabilità: «Abbiamo giocato un secondo tempo da ragazzini».

L’altro posticipo conferma il momento complicato del Napoli, alla seconda sconfitta consecutiva. L’alibi delle assenze regge fino a un certo punto, perché gli azzurri non hanno l’atteggiamento giusto e non riescono mai a mettere in difficoltà i biancocelesti. E come se non bastasse Gattuso perde anche Koulibaly (quadricipite della coscia sinistra) e Lozano. C’è preoccupazione soprattutto per il messicano, uscito dall’Olimpico in stampelle. Nella serata di ieri è stato visitato a Villa Stuart, alla caviglia sinistra toccata duro in partita. Al Napoli serve una reazione immediata contro un Toro all’ultima spiaggia, al momento nulla è ancora compromesso (anche perché è un campionato talmente anomalo che può ancora succedere di tutto), ma i 7 punti di distacco della Roma, e gli 8 del Napoli dal Milan capolista, oggi sembrano già una prima sentenza scudetto.

Advertisement