Mauricio: «Giocare al fianco di De Vrij rende tutto più semplice. Quest’anno vogliamo riscattarci»

© foto www.imagephotoagency.it

Si continua a sudare e lavorare sodo ad Auronzo di Cadore. L’obiettivo è quello di cancellare l’ultima, orribile, stagione, per riacquistare credibilità in un ambiente ormai ai ferri corti con la società.

 

Dovrà essere l’anno del riscatto anche per il centrale brasiliano Mauricio, protagonista di un’annata disastrosa. Intervistato dopo la seduta mattutina ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3, lo stopper biancoceleste ha fatto un primo bilancio di questi primi giorni di ritiro: «Mi sento bene e sono felice che siamo tornati ad allenarci dopo 40 giorni di stop. Fondamentale è stato anche il rientro di De Vrij; è un grande calciatore oltre ad essere un ottimo amico e spero che faremo bene insieme quest’anno perché vogliamo arrivare più in alto possibile. Lo scorso anno non abbiamo potuto purtroppo giocare insieme, ma nonostante lui sia molto giovane ho imparato molto giocando con lui al suo fianco e spero di poterlo fare anche la prossima stagione».

 

Oggi il tecnico Simone Inzaghi, non era molto soddisfatto del lavoro svolto ma i carichi di lavoro e la stanchezza cominciano a farsi sentire: «Inzaghi ha ragione. Nonostante stiamo dando il 100%, le gambe ancora non girano come dovrebbero ma sono convinto che allenandoci intensamente, entreremo presto in forma. Con il lavoro e l’applicazione e con i rientri di calciatori importanti come Parolo, Candreva e Felipe e forse qualcun’ altro (ride, ndr), faremo sicuramente bene perché Inzaghi è davvero un tecnico preparato».

 

Un pensiero rivolto anche al compagno Felipe Anderson, il quale si accinge a disputare le Olimpiadi: « Gli ho fatto il mio personale in bocca al lupo. Se lo è meritato tanto questo traguardo e spero che possa far bene e ritornare qui con una medaglia». Uno sguardo inevitabile, infine, al prossimo futuro: «L’anno scorso è andato tutto storto. Ho avuto problemi personali e con la mia famiglia in Brasile, ma adesso sto bene, ho la testa giusta e spero di poter riscattarmi quest’anno».