Matri: “Il pareggio ci va stretto. Muslera mi ha buttato giù, era rigore netto!”

© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Matri è intervenuto ai microfoni di Sky Sport dopo il pareggio di Istanbul. “Questo risultato ha un sapore diverso  dopo l’ottima partita che abbiam giocato. Il pareggio è un pò stretto“. Sui due rigori reclamati: “Il primo sembrava rigore, rimane il dubbio. Il secondo era sicuro, Muslera mi ha buttato giù“. Sui compagni più giovani, da Keita a Felipe Anderson: “Stanno crescendo, per me che non brillo per velocità è importante avere supporto. Noi attaccanti giochiamo sul tempo“. Infine, sulla gerarchia dell’attacco biancoceleste: “La continuità è importante per tutto. Siamo in tre per un posto e siamo diversi tra noi. Chiunque vorrebbe giocare di più. Io e Klose sempre insieme? Provate voi a chiederlo all’allenatore (ride, ndr).

 

Ecco poi le parole dell’attaccante biancoceleste a Lazio Style Radio: “Abbiamo disputato una gran partita sul piano dell’attenzione e del ritmo. Il pareggio ci sta stretto, abbiamo avuto tante occasioni per vincere. La loro difesa era molto fisica, oltre i centrali c’erano due mediani. In questo stadio non è mai facile, il pubblico è un’arma in più. Da domani pensiamo al Frosinone, dobbiamo recuperare posizioni in campionato“.

L’attaccante biancoceleste anche in mixed zone contesta l’operato del direttore di gara: Ero nervoso perchè uno dei due rigori c’era sicuramente. Però devo smetterla di protestare, perchè ho già pagato a Udine. Quello di Muslera era netto, mi è saltato addosso, mentre il secondo può essere in dubbio. Questi episodi decidono le partite. Stasera ho visto una bella Lazio che ha creato tanto e concesso poco, potevamo chiudere la partita. Andare sotto qui dopo undici minuti e recuperare non è facile. Abbiamo giocato con personalità e questo ci dà fiducia. Questo gol ci aiuterà nella gara di ritorno, abbiamo il 70% di possibilità di passare il turno“.