Lotito: «Domani una giornata di sport e spettacolo». D’Angelo: «Sarò un valore aggiunto!»

© foto @LazioNews24

Il presidente Lotito è intervenuto in conferenza stampa ed ha presentato il nuovo capo della sicurezza D’Angelo

Questa mattina il presidente Lotito è intervenuto in conferenza nella sala stampa di Formello, al fine di presentare il nuovo addetto alla sicurezza D’Angelo: «Riteniamo sia importante portare a conoscenza il nuovo asset in materia di sicurezza della società in prossimità di un evento come quello di domani, vogliamo veicolare messaggi per il rispetto delle regole, per far sì che sia una giornata di sport e di spettacolo e non scada in comportamenti che potrebbero far considerare la giornata in modo diverso. La Lazio ha iniziato a fare un’opera di crescita e ha ritenuto di investire nel comparto della sicurezza, fondamentale per la società. D’Angelo ha messo in campo una serie di azioni che sono una prosecuzione di quello che aveva fatto inizialmente nei rapporti con la tifoseria Calveri. Possiamo creare delle condizioni per restare leader a livello nazionale e non solo mettendo in piedi una serie di azioni volte ad attribuire la giusta valutazione ai tifosi, che devono fare i tifosi e noi li rispettiamo e anzi li aiuteremo in una serie di comportamenti solo nel rispetto delle regole. Il presidente di una squadra di calcio è il responsabile di una grande comunità che deve essere portatrice di valori e comportamenti sani che rispecchino il comportamento della società. Cerchiamo di invogliare le persone a tifare la Lazio ma sempre nel rispetto delle regole, i tifosi devono essere orgogliosi di essere tifosi della Lazio perché avranno dei percorsi preferenziali».

FINALE«Mi auguro che domani sia una giornata di sport, di orgoglio a questa appartenenza e che i tifosi abbiano un comportamento consono a questi valori, la Lazio ha i colori delle Olimpiadi che sono la parte suprema dello sport. Domani voglio una giornata di totale pacificazione e sul campo gradiremo che i nostri giocatori dimostrino la stessa determinazione che hanno i nostri tifosi. Questa forte passione deve essere il linguaggio dei tifosi attraverso la squadra. Sarà una partita delicata e quindi ci tenevo a fare un appello dando tutta la disponibilità da parte della società sia ai tifosi che alle istituzioni».

PARTITA «E’ una partita particolare, l’aiuto di tutti è fondamentale per raggiungere l’obiettivo. I risultati si ottengono attraverso l’apporto di tutti, se tutti lavorano all’unisono si ottengono i risultati. Mi auguro che si crei un clima compatto di un gruppo coeso, è un gioco di squadra e in questa squadra partecipano tutti anche i tifosi che sono il dodicesimo uomo in campo. Abbiamo ottenuto in alcune partite grandi risultati, mi auguro che domani la squadra sia concentrata sull’importanza della gara di domani per poter conseguire un ottimo risultato».

D’ANGELO – Poi, il patron biancoceleste ha lasciato la parola a D’Angelo: «Mi lega al presidente una lunga e fraterna amicizia. Ho accettato in modo gradito questo compito. Quando si cambia una delle cose più difficili è essere riformatori. Lo spirito di questa conferenza è un appello che sia una bella giornata di sport, noi tutti abbiamo la stessa cornice, l’immagine è importante, ci vedono in tutto il mondo. Mi appello alla tifoseria, a tutti chiedo di comportarsi nell’ambito delle regole. Il lavoro che si farà alla Lazio è la riorganizzazione del comparto di sicurezza che riguarda anche quella personale, della protezione dati, rispetto della privacy, degli impianti e della tifoseria. La società vuole diventare uno dei punti di riferimento nella Capitale e non solo. Quando qualche tifoso si comporta male la società viene individuata, in occasione dello striscione di Milano abbiamo preso le distanze, la Lazio è una società seria, quotata in Borsa e non si individua in questi soggetti. Proprio perché  amiamo i nostri tifosi faremo nuove cose, le società di calcio devono avere anche una capacità decisionale negli stadi e adottare provvedimenti verso chi si macchia di comportamenti scorretti. Noi giochiamo una grossa partita a livello internazionale, la Lazio gioca come tutte le squadre italiane anche all’estero. Rispetto al passato si è fatto tanto ma si farà ancora tanto. Voglio essere un valore aggiunto. Seguirò la squadra anche nelle trasferte».