Lazio, Trevisani: «Il weekend si è aperto con una serie di orrori. Di Bello ha completamente perso di mano la situazione»
Connettiti con noi

News

Lazio, Trevisani: «Il weekend si è aperto con una serie di orrori. Di Bello ha completamente perso di mano la situazione»

Pubblicato

su

Lazio, Trevisani: «Il weekend si è aperto con una serie di orrori. Di Bello ha completamente perso di mano la situazione». Le parole del giornalista

Riccardo Trevisani duro sugli episodi arbitrali di questo weekend. Negli studi di Cronache di Spogliatoio, il giornalista ha parlato della direzione di Di Bello in LazioMilan e non solo. Questa la sua analisi.

PAROLE– «Sto cercando di trovare le parole giuste per evitare di prendere una querela. Secondo me in una stagione come questa, dove ci sono stati diversi errori arbitrali, quello di San Siro è la pietra tombale sulla categoria, sul weekend aperto da Di Bello e chiuso da Ayroldi. E’ questa la cosa principale che possiamo dire: il weekend si è aperto con una serie di orrori, di una arbitro che ha completamente perso di mano la situazione, e parlo di Di Bello, e si è concluso con un rigore che è una delle cose peggiori viste su un campo di calcio. Rigore che non c’entra niente come molti rigori dati al VAR, però quanto meno lo step-on-foot ha una penalizzazione, qui stiamo punendo uno che è entrato in scivolata, tocca pure il pallone e va poi alla fine a scontrarsi col giocatore avversario. Mi sembra l’assenza di buon gusto di poi andarlo a rivedere. L’avete visto dalla faccia di come andava al VAR: zompettava, sbuffava, era proprio scoglionatissimo, e si è messo a controllare e a guardare in tutti i modi per cercare di trovare un modo per dare quel rigore. Tutto quello che un arbitro non deve fare è stato fatto in quell’occasione da Ayroldi ».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.