Lazio, Trevisani: «I biancocelesti giocano meglio di Juve ed Inter, ma con l’Atlanta…»

© foto @CalcioNews24

Riccardo Trevisani, giornalista sportivo, ha analizzato la lotta Scudetto e le logiche del gioco della Lazio

Riccardo Trevisani, davanti alle telecamere di Sky Sport, ha analizzato gli ingranaggio della Lazio e fissato le ambizioni in ottica Scudetto. Ecco le sue parole:

JUVENTUS INTER – «Se fossi in Inzaghi io spererei nel pareggio. La X toglie 4 punti, la vittoria di una delle due solo 3».

ROSA – «La Lazio si è autoeliminata dall’Europa League e poi ha perso con il Napoli in Coppa Italia. Per giocare soltanto il campionato la rosa della Lazio va benissimo salvo avere sfortune tipo la Roma con 50 infortunati. La Lazio in questa stagione ha avuto pochi infortunati, non ha praticamente avuto le coppe quindi la rosa va sufficientemente bene, con anche alternative di buon livello come Caicedo, Cataldi, Patric, Jony, Marusic».

CENTROCAMPO – «Due sono i giocatori più importanti, Luis e Alberto. Se togli lui, togli tutta la bellezza della Lazio. Luis Alberto è come l’uovo sulla carbonara. Senza l’uovo non si può fare la carbonara, poi buona la pancetta, buona la pasta, buono il pecorino. Senza Luis Alberto la Lazio giocherebbe sempre meno bene e avrebbe meno qualità. Poi se mi chiedi chi non toglierei mai in un bag match, ti dico Milinkovic perché è uno che in queste partite si esalta. In certe cose mi ricorda Zidane, non dal punto di vista tecnico, anche se è bellissimo da vedere Milinkovic, ma perché è uno di quelli che sale a cavallo quando c’è da correre tanto, quando c’è da fare la partita importante. Lazio – Juventus timbra Milinkovic, Lazio – Inter idem, poi magari contro una squadra che si deve salvare Milinkovic fa tutte ‘suolate’, gioca per conto suo. Quando c’è da mettere il timbro, Milinkovic c’è». 

ATALANTA – «Secondo me la Lazio gioca meglio di Juventus e Inter, non gioca meglio dell’Atalanta e tra poco le due squadre si incontrano. Sarà veramente la partita più bella possibile. Però io non ho una spiegazione solo qualitativa: Freuler e De Roon non sono Luis Alberto e Milinkovic, eppure l’Atalanta gioca un calcio paradisiaco. La mia spiegazione è che i meccanismi vanno oliati e ci vuole tempo. Non a caso Gasperini e Inzaghi sono i due allenatori che stanno da più tempo sulle loro panchine».