Lazio, tornano i tamponi Uefa e lo spettro “falsi positivi”

© foto Roma 24/10/2020 - campionato di calcio serie A / Lazio-Bologna / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: esultanza gol Luis Alberto

Oggi a Formello nuovi test in vista del match con lo Zenit.

Altra competizione, altro giro di tamponi. Oggi nel centro sportivo di Formello nuovi test per rilevare eventuali contagi da Covid-19. Simone Inzaghi incrocia le dita. Mercoledì si gioca la terza sfida di Champions League in casa del San Pietroburgo, fischio di inizio alle 18:55. Il tecnico spera di non rivivere un’antivigilia simile a quella del match con il Bruges, con diversi giocatori fermati per valori sospetti. “Falsi positivi”, costretti allo stop per la gara in Belgio, e tornati utili in campionato. Ieri, con un una nota apparsa sul sito ufficiale, la Lazio ha fatto sapere che «tutti i tamponi ripetuti nella giornata di ieri (sabato, ndr), in ottemperanza alle disposizioni normative applicabili, hanno confermato la negatività del gruppo squadra». Tradotto: chi è partito per la trasferta di Torino, dallo staff tecnico ai giocatori, aveva i valori in regola.

Non convocati per la sfida con i granata Vavro, Djavan Anderson, Lazzari e Luis Alberto. Il primo non desta preoccupazione: non è in lista Uefa e non parteciperà in ogni caso alla spedizione in Russia. Discorso diverso per gli altri tre. Dall’esito dei tamponi, effettuati secondo il protocollo Uefa che si avvale della SynLab, noto gruppo di diagnostica internazionale, dipenderà la loro convocazione. La speranza è che non ci siano sorprese e brutte notizie. Del resto, anche Simone Inzaghi, nel post gara con il Torino è stato chiaro sulla questione assenze: «Queste sono le difficoltà che credo abbiano anche i miei colleghi – spiega l’allenatore -.

In questo momento avrei bisogno di più rotazioni perché giochiamo ogni due giorni e mezzo, e oltre alle difficoltà per il Covid ho timore di qualche infortunio. Ma la situazione è di grande difficoltà». Insomma, un’altra giornata intensa nel Training Center. Le operazioni verranno monitorate dal responsabile sanitario del club, il professor Ivo Pulcini, insieme al presidente, Claudio Lotito. Così si legge sull’edizione odierna de Il Messaggero.