Connettiti con noi

News

Lazio a un passo da Sarri: i piani del tecnico toscano

Pubblicato

su

Sarri, con tutta probabilità, sarà il nuovo allenatore della Lazio: ecco come potrebbe agire la società sul mercato, tra acquisti e cessioni

È tempo di restaurazione in casa Lazio. Con l’addio di Simone Inzaghi, nuovo allenatore dell’Inter scudettata, Lotito è intenzionato ad affidare la panchina della squadra biancoceleste a Maurizio Sarri, a piede libero da un anno dopo l’esperienza alla Juventus e intenzionato a rimettersi in gioco su una panchina stimolante come quella biancoceleste, chiamata alla riscossa, e tornare a giocarsi la qualificazione in Champions, alzando le proprie ambizioni, rispondendo anche alla Roma che si è affidata all’esperto José Mourinho.

Manca di fatto solo l’annuncio per l’ex allenatore del Napoli, per cui anche i bookmaker danno quasi per certa l’ufficialità dell’accordo. Con l’arrivo di Sarri in panchina si potrebbe cominciare a pensare in grande? Al momento i book valutano un eventuale scudetto della Lazio intorno a quota 37, per cui al massimo si potrebbe tentare la giocata con uno dei bonus scommesse passati in rassegna da Sportytrader. Tuttavia, per ora, il tricolore rimane un sogno, seppur bellissimo.

Sicuramente con l’avvento del tecnico ex Napoli, Chelsea e Juve, ci sarà anche una semi-rivoluzione in organico, alla ricerca di quegli elementi fondamentali per il mister toscano nella realizzazione delle sue idee di gioco: in cima alle sue richieste c’è indubbiamente Loftus Cheek del Chelsea, che ha passato l’ultima stagione in prestito al Fulham e rimasto vero e proprio pallino del tecnico. Giocatore poliedrico, in grado di coprire più zone del campo, Loftus Cheek potrebbe rappresentare quel jolly tuttofare in grado di cambiare anche il ritmo di gioco alla bisogna. Da considerare la posizione di Milinkovic-Savic a riguardo, vista la stazza e la tipologia di giocatore: l’inglese, infatti, ricorda molto per modo di stare in campo il sergente biancoceleste, ogni anno accostato alle squadre più disparate ma finora mai andato via. Chissà che non sia la stagione giusta.

Timidi sondaggi sono stati fatti anche con Lorenzo Insigne, anche se la verità della situazione potrebbe essere semplicemente un accostamento mediatico visto quanto abbia influito in positivo il lavoro di Sarri con l’attuale capitano del Napoli, in scadenza contrattuale 2022 e alle prese con una trattativa complicata con il suo presidente per il rinnovo del rapporto di lavoro. Altri nomi accostati alla Lazio sono Matteo Politano e Maksimovic, entrambi in forza al Napoli, oltre il già arrivato Kamenovic, centrale della nazionale U21 serba acquistato a gennaio dal Cukaricki, club di Belgrado, per la cifra di circa 3 milioni di euro. Centrale sinistro robusto, alto quasi 190 cm, in grado di ricoprire tutti i ruoli difensivi e considerato l’erede di Stefan Radu.

Gli innesti per la Lazio nella testa di Sarri sono già parecchi, ma per ora si deve ancora attendere l’ufficialità del suo arrivo a Formello, prima di vedere all’opera il tecnico in casa biancoceleste. Riuscirà a rivoluzionare una squadra che fino ad ora ha avuto difficoltà a mantenere costanza e qualità?

 

 

Advertisement