Lazio, riservatezza e misure anti-Covid: i retroscena dell’audizione di Pulcini e Rodia

Staff Medico
© foto Lo staff medico

Ieri i medici della Lazio, Ivo Pulcini e Fabio Rodia, sono stati ascoltati dai procuratori della Figc. Il Messaggero svela i retroscena dell’incontro

La Lazio, per la delicatezza del caso, aveva chiesto riservatezza. Per questo (oltre che per una questione legata ai protocolli Anti-Covid) l’audizione (slittata due volte) del responsabile medico Pulcini e del dottor Rodia (perché unico medico in Uefa) si è tenuta da remoto presso lo studio del legale biancoceleste. In presenza c’erano solo due ispettori. Il procuratore Chiné era collegato in video (in serata i tre hanno fatto un vertice a via Campania).

Il pm considerava quest’audizione chiave per spulciare tutte le zone d’ombra della gestione dei casi di positività delle ultime settimane, in particolare dalla trasferta di Bruges a quelle prima della Juventus. Il Protocollo in alcuni punti sembra violato e, lo si è visto già in altre occasioni con i deferimenti Juve, Roma e Napoli, dalla Figc arriva l’impulso a dare un segnale forte a tutti per proseguire al meglio questo campionato. Così si legge sull’edizione odierna de Il Messaggero.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy