Lazio, piccola con le grandi e grande con le piccole: ma i numeri sono dalla tua parte

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio non vince contro le big, ma è una schiacciasassi contro tutte le altre squadre: i numeri mostrano una media punti più che incoraggiante

La zona Champions e un secondo posto in Europa League, in un girone non propriamente facile. La Lazio, nonostante le difficoltà, ha saputo reinventarsi. «Una Lazio da paura: debole con le big, devastante con tutte le altre» titola così l’edizione odierna del Corriere dello Sport: nella scorsa stagione, ha collezionato solo 8 punti nei 14 scontri diretti con le big, per un totale di 10 sconfitte. Contro le altre, però, è una schiacciasassi: 64 punti su 72. 7 match vinti su 7, prendendo in esame anche il campionato 2017/2018, viaggia ad une media punti di 2,42. Numeri rincuoranti, nonostante i black out subiti nelle partite chiave: segnali di crescita che invitano a continuare a sognare.
Senza contare tutti i problemi a cui Inzaghi ha dovuto far fronte, come l’esclusione di Lukaku per l’infortunio, o l’assenza dal campo di Luis Alberto e Milinkovic ancora in cerca della sua versione migliore. Quella che ha strappato applausi e riconoscimenti. Per non parlare del doppio infortunio in cabina di regia che ha fermato sia Leiva che Badelj.

Il prossimo obiettivo è solo il Marsiglia: vincere anche sotto i riflettori dell’Olimpico significherebbe ipotecare il passaggio del turno con ben due turni d’anticipo e concedere più spazio a chi è partito dalle retrovie. E poi di nuovo a Sassuolo a caccia dei tre punti per arrivare contro il Milan con la giusta carica per difendere il quarto posto e scacciare lo spettro delle ‘grandi squadre’.

Articolo precedente
cataldiLazio, si pensa al futuro di Cataldi: il contratto scade nel 2020
Prossimo articolo
Diaconale: «Pregiudizi sbagliati danneggiano la Lazio e i tifosi»