Lazio, Nanni: «C’è lo stesso gruppo del ’74, ma con più qualità»

© foto @LazioNews24

Franco Nanni, protagonista della Lazio di Maestrelli, ha commentato il momento che sta vivendo la squadra di Inzaghi

È il paragone più immediato, forse anche il più semplice. In tanti hanno accostato la Lazio di Simone Inzaghi a quella di Maestrelli, la Banda del ’74 che ha fatto innamorare generazioni di tifosi. Sulle frequenze di Laziali On Air, il commento di uno dei protagonisti di quella squadra, Franco Nanni: «Io penso che quest’anno la Lazio stia seguendo i comportamenti e lo stile del gruppo del ’74. Forse oggi c’è più qualità rispetto alla squadra del passato, noi avevamo due o tre che spiccavano dal punto vista tecnico, qui ce ne sono di più. A me entusiasma Lazzari perché ha una corsa talmente sciolta e coordinata… e poi ha una dote fondamentale, la semplicità: arriva sul fondo e crossa, quando parte non lo ferma nessuno. Poi se parliamo di qualità Milinkovic-Savic e Luis Alberto fanno sempre la differenza. È comunque il collettivo che si sta esprimendo al massimo».

«La Lazio ogni partita deve fare il suo, senza voli pindarici: pensare ora ad obiettivi troppo grandi secondo me è sbagliato, se a cinque-sei partite dalla fine ci troveremo in una determinata posizione di classifica riusciremo allora a pensare a qualcosa di più. Ma determinati obiettivi sono anche un peso, ricordo che le ultime partite, quando sapevamo di poter vincere lo Scudetto la prima volta, non ti facevano dormire la notte. La differenza è la tranquillità che può vivere un gruppo al suo interno. Prendiamo il caso del Napoli: sono giocatori di qualità che non riescono ad esprimersi perché il gruppo sta vivendo un momento difficile al suo interno».