Lazio, Mudingayi: «A Roma mi sentivo in famiglia. Il salto di qualità è stato fatto»

Mudingayi
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex biancoceleste porta nel cuore i suoi tre anni nella capitale e i tifosi della Lazio non si sono dimenticati affatto di lui

Un ricordo indelebile quello della sua permanenza a Roma, quando ha trascorso alla Lazio tre stagioni dal 2005 al 2008 e i tifosi lo portano sempre nel cuore: questo è Gaby Mudingayi. L’ex biancoceleste è intervenuto ai microfoni di RadioSei e ha parlato della sua esperienza alla Lazio, parlando di famiglia:

«I miei ricordi della Lazio sono positivi, mi sento parte della famiglia biancoceleste a tutti gli effetti. Lazio-Real Madrid l’emozione più forte provata a Roma, ricordo uno stadio fantastico e una cornice mozzafiato. Inzaghi non mi sorprende, è una persona che conosce il calcio come poche altre. La sua squadra è cresciuta nel tempo, ma la cosa che colpisce di più – al di là della qualità dei giocatori – è la mentalità. Il vero passo in avanti è stato fatto proprio sotto questo punto di vista. Vedo una Lazio matura, che può giocarsi lo Scudetto fino alla fine. Una percentuale? Non saprei, le auguro il meglio e spero che possa farcela. Il Bologna ha un’ottima ossatura e Mihajlovic ha dato forza e carattere a tutto il gruppo. La Lazio non dovrà prendere sotto gamba l’impegno di sabato».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy