Lazio, Mauri: «La rosa attuale non può competere su più fronti»

Mauri
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex capitano della Lazio ha voluto esprimere il suo parere riguardo la rosa a disposizione di mister Inzaghi per la prossima stagione

La Lazio domenica ha dovuto giocare senza Acerbi e Lulic che si sono fermati per degli infortuni. Nonostante ciò la squadra di Inzaghi ha risposto bene portando a casa il risultato. Stefano Mauri ha voluto sottolineare ai microfoni di Radiosei, come ciò non possa bastare per la stagione prossima, visto che molto probabilmente i biancocelesti giocheranno la Champions:

«Quando sono mancati i titolarissimi in casa Lazio, le riserve non hanno fatto sentire la differenza. Quando la squadra va, anche alcuni cambi non apportano differenze sostanziale, dandone atto ai calciatori – alcuni dei quali non giocano mai come Vavro – E penso anche a Jony e Cataldi. In questo momento in rosa ci siano valide alternative da utilizzare sia dal primo minuto sia a gara in corsa. I risultati aiutano ad osservare l’obiettivo doi squadra che è totalmente mutato, una meta insperata a inizio stagione. Siamo ad uno step importantissimo, ora la squadra ha rincorso ed è nella fase in cui la fatica non la senti; va detto che chi entra fa bene e non bisogna pensare che l’anno prossimo con la Champions sia sufficiente questa rosa perché ora chi gioca fa bene. Bisogna guardare oltre il proprio naso, la competizione europea porta via molte energie, non è l’Europa League: la rosa attuale non basta per competere su entrambi i fronti. Tornando ai nuovi Jony è migliorato molto, Vavro da vice Acerbi ha trovato la sua collocazione, poi guardando l’ex Sassuolo in allenamento sicuramente è cresciuto molto».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy